Vardy: “Non ho seguito la Premier, giocavo a Call of Duty”

Vardy: “Non ho seguito la Premier, giocavo a Call of Duty”

vardy-ranieri-van basten

Uno dei grandi segreti del Leicester di Claudio Ranieri sono i nervi d’acciaio dei suoi calciatori: nonostante non siano abituati a lottare su certi palcoscenici i ragazzi terribili del Leicester non sembrano accusare la tensione e continuano a lottare con forza nonostante il +5 sul Tottenham secondo. Il Manchester City, attualmente a dieci punti, avrebbe potuto avvicinarsi sconfiggendo il Liverpool, ma la squadra di Klopp ha avuto la meglio sui Citizens estromettendoli di fatto dalla lotta per la vittoria del campionato nonostante il pareggio dei Foxes contro il West Bromwich.

Intervistato su questo argomento, l’attaccante del Leicester Jaime Vardy si è dimostrato tranquillo: “Tutti mi hanno detto che il Liverpool ci ha fatto un favore a battere il Manchester City, ma io non ho guardato quella partita. Stavo giocando a Call of Duty e le missioni mi hanno dato qualche problema, ho dovuto dedicarmici più di quanto credessi. Mi stavo rilassando, noi dobbiamo pensare solo alle nostre partite e a fare punti, poi vedremo cosa succederà”.

Nella giornata successiva il Leicester ha battuto il Watford grazie alla rete di Mahrez, con concomitanza vittoria dei Citizens e pareggio fra Tottenham e Arsenal. La mentalità si vede anche nei dettagli: la pressione delle avversarie non sembra mettere in difficoltà la squadra allenata di Claudio Ranieri, Vardy in testa, che continua a macinare punti e sta convincendo anche i più scettici circa le reali possibilità della squadra. Nella prossima giornata l’Arsenal non giocherà a causa dei quarti di finale di FA Cup, mentre City e Tottenham saranno regolarmente in campo per provare a ridurre il distacco dalla capolista, impegnata lunedì sera in casa contro il Newcastle. Contro avversari nettamente più abituati a palcoscenici prestigiosi Vardy e compagni dovranno mettere in campo tutta la loro fama ma anche l’incredibile tranquillità che fino ad ora li ha contraddistinti: la vittoria finale dipende solamente da loro e non dagli avversari.