Zenit-Benfica, probabili formazioni: Sanches osservato speciale

Zenit-Benfica, probabili formazioni: Sanches osservato speciale

renato sanches-manchester united-zenit-benfica

Zenit-Benfica è l’anticipo delle 18 (ora italiana) di questo mercoledì di Champions League. I padroni di casa dovranno ribaltare l’1-0 dell’andata, Villas Boas pronto a mettere in campo il suo canonico 4-2-3-1 davanti ai giovani terribili di Rui Vitoria. Renato Sanches indiziato numero uno: la stellina lusitana sta dimostrando a tutta Europa il suo valore anche in campo internazionale.

Zenit-Benfica, probabili formazioni:

Zenit (4-2-3-1): Lodygin; Anyukov, Garay, Lombaerts, Neto; Witsel, Yusupov; Shatov, Hulk, Danny; Dzyuba. All. Villas Boas.

Benfica (4-3-3): Ederson; Lindelof, Eliseu, Silvio, Semedo; Samaris, Gaitan, Renato Sanches; Mitroglou, Jonas, Gimenez. All. Rui Vitoria.

Zenit-Benfica, le sensazioni della vigilia:

Villas Boas – “Non so cosa possa fare Rui Vitoria per sopperire alle defezioni, sarà una sorpresa. Tuttavia noi giochiamo in casa e abbiamo la capacità di rimontare la sconfitta per 1-0 dell’andata. Tutti i ragazzi sono consapevoli del loro ruolo e della propria condizione atletica, sono motivati, vogliamo andare avanti e contribuire a portare in alto la storia di questo club. Che partita sarà Zenit-Benfica? Noi scenderemo in campo con un atteggiamento propositivo, dobbiamo stare attenti a non essere arroganti, serve umiltà per battere i portoghesi. Loro hanno uno dei migliori attacchi della Champions League 2015/16″.

Rui Vitoria – “All’andata abbiamo vinto 1-0, siamo in vantaggio di un solo gol e sappiamo che non sarà facile superare il turno. Tuttavia siamo consapevoli dei nostri mezzi, siamo contenti di quanto fatto finora ma sappiamo che ci sarà da soffrire per approdare ai quarti. Abbiamo preparato questo periodo con attenzione, preventivando gli impegni infrasettimanali. Non siamo spaventati, sappiamo che dobbiamo fare di tutto per andare avanti in Champions League. Dobbiamo credere nelle nostre capacità senza però tralasciare il valore degli avversari. Villas Boas? Un grande allenatore, uno dei migliori del mondo, è riuscito a dimostrare le sue capacità allenando ovunque”.

Stefano Mastini