Iacobucci: “Il mio modello è Pagliuca, Conte mi ha insegnato tanto”

Iacobucci: “Il mio modello è Pagliuca, Conte mi ha insegnato tanto”

iacobucci entella

Dopo la salvezza all’ultimo respiro della scorsa stagione la Virtus Entella occupa il sesto posto nel campionato di Serie B e sogna i playoff: tutto questo grazie anche al suo portiere Alessandro Iacobucci, classe 1991, che nel corso della stagione è arrivato a 565 minuti d’imbattibilità. “Non avevo mai vissuto una striscia d’imbattibilità così lunga – ha raccontato Iacobucci a Tuttosport – ma se parliamo di questo è inevitabile che esca il nome di Buffon, uno dei più grandi di sempre, la sua sola presenza in campo è decisiva. Io però sono interista, il mio modello è sempre stato Pagliuca. Oggi apprezzo anche Marco Sportiello, bravissimo sia fra i pali che nelle uscite”.

Pescarese di nascita, Iacobucci non è mai riuscito ad indossare la maglia del Delfino: “Sono cresciuto al Curi, poi a 16 anni ho iniziato il giro d’Italia. Prima Mantova, poi Siena, Alto-Adige, Spezia, Latina, Parma. Ho incontrato molte persone che mi hanno migliorato, penso soprattutto ad Antonio Conte. Ci guidò alla promozione e lo ringrazio non solo perché mi fece esordire in Serie B: mi insegnò tanto a livello di gestione delle partite, trasmettendo fama ed agonismo. Poi c’è stato Donadoni, non mi sorprende il lavoro che sta facendo: basti vedere come ha tenuto in mano la squadra a Parma. Ho esordito in Serie A, ma il passaggio alla Serie B non lo vivo come un passo indietro, anzi. Giocare a Chiavari mi sta riconciliando con il calcio, qui ci si danno obiettivi concreti, la mentalità è di quelle da club di Serie A”.

L’obiettivo playoff è concreto per lui che è già arrivato in finale con il Latina: “Ci sono molti punti in comune, anche a Latina partimmo per salvarci, poi cambiano le prospettive ed è normale provarci. L’Entella è una sorpresa: in pochi credevano che dopo 30 turni saremmo stati in zona playoff. Alla Serie A non ci penso, vado con i piedi di piombo, il primo obiettivo è ottenere la salvezza  matematica”.