Ibrahimovic: “Sono nato vecchio e morirò giovane”

Ibrahimovic: “Sono nato vecchio e morirò giovane”

ibrahimovic

Zlatan Ibrahimovic vola ai quarti di finale con il Paris-Saint Germain battendo il Chelsea a Stamford Bridge. A 34 anni l’ex attaccante di Inter e Milan vorrebbe realizzare il sogno di vincere la Champions League con il club francese per poi lasciare la Francia, ancora da vincitore, firmando l’ultimo contratto della sua gloriosa carriera con una nuova grande squadra. Ecco le dichiarazioni dell’attaccante svedese al termine del match contro i “Blues”:

CHELSEA – “Invece non era per niente facile. Loro hanno esperienza, sono tosti. Ma abbiamo saputo controllare la partita, con passione e cervello. Possesso palla, poi sfruttare le occasioni e segnare due gol. Sono felice: lo scorso anno qui mi avevano espulso subito, stavolta ho giocato più di venti minuti e la differenza s’è vista…”.

FORMA – “Sto bene, sto molto bene. Sto lavorando tanto, non ho gli infortuni dello scorso anno, il fisico risponde. Magari sembra una battuta, ma davvero credo di non essere mai stato così in forma nella mia carriera. Lo dicono anche le cifre, i gol e gli assist, la qualità delle prestazioni”.

SEGRETO – “Il fatto è che io sono nato vecchio, e morirò giovane. Il segreto è tutto lì“.

EUROPEI – “Spero di essere al top quando vi incontrerò. Sarà comunque un piacere ritrovare l’Italia”.

CHAMPIONS – “Le ossessioni forse le avevo da giovane, ora non più. La mia carriera è sotto gli occhi di tutti, soprattutto sotto i miei. E ho capito che vincere la Champions non mi renderà un giocatore migliore di quello che sono, e non vincerla non mi renderà peggiore. Io sono Zlatan e basta”.

CONTRATTO – “Aspettate, aspettiamo. Ora ci sono altri due mesi di partite col Psg. Non ho ancora parlato con altri club. Cercherò di capire cosa è meglio per me e per la mia famiglia. La Premier è sempre molto “attractive”, certo. Ma ora non è il momento di parlarne”.