SHARE

niang-milan

E’ partita la corsa contro il tempo di M’Baye Niang. Il calciatore francese, dopo il terribile incidente rimediato il 29 febbraio con la sua auto, per fortuna senza tragiche conseguenze, si è sottoposto questa mattina ad un’operazione per curare una lesione capsulo legamentosa della caviglia sinistra che lo terrà fuori dal campo fi gioco per i prossimi due mesi. L’obiettivo di Mihajlovic e dello stesso calciatore è quello di recuperare in tempo utile per la finalissima di coppa Italia con la Juventus, in programma il 21 maggio. L’ottimismo è destinato a crescere ulteriormente dopo il comunicato diramato poche ore fa dal club meneghino in seguito all’intervento chirurgico ultimato in mattinata:

“A.C. Milan comunica che in data odierna M’Baye Niang è stato sottoposto ad intervento chirurgico dal professor Niek Van Dijk, assistito dal responsabile sanitario del Milan dottor Rodolfo Tavana. Il professor Van Dijk ha suturato le lesioni legamentose e ha rimosso piccoli frammenti di cartilagine liberi esito dell’impatto. E’ previsto un controllo clinico tra 5 settimane“.

L’intervento è perfettamente riuscito e nel giro di trentacinque-quaranta giorni, l’attaccante francese potrà riprendere la normale attività atletica. Una buona notizia per il diavolo, soprattutto in considerazione dello scarso apporto fornito da Balotelli, apparso completamente avulso dal gioco nelle ultime uscite della compagine rossonera. Lo stesso Menez non ha ancora ritrovato lo smalto e la brillantezza di un tempo e, in un quadro di questo tipo, il recupero di Niang appare ancor più determinante per il Milan, atteso da un finale di stagione fondamentale, con due obiettivi ancora in ballo. L’Europa che conta appare in questo momento lontana mentre il varco per l’accesso in Europa league si è improvvisamente spalancato, lasciando a Mihajlovic la possibilità di riportare il diavolo in giro per il vecchio continente. Obiettivo minimo ad inizio stagione ma la conquista della coppa Italia potrebbe dare un senso diverso alla stagione rossonera.

SHARE