Palermo-Napoli, le formazioni ufficiali: gioca Hamsik

Palermo-Napoli, le formazioni ufficiali: gioca Hamsik

sarri postpartita

La ruota della fortuna si è fermata su Walter Novellino, pronto a raccogliere l’eredità lasciata da Iachini. Obiettivo salvezza e rinnovo automatico in caso di raggiungimento dell’obiettivo per il tecnico di Montemarano. Impresa non semplice per il Palermo, sopra di uno sulla zona rossa e atteso dalla difficilissima sfida con un Napoli tornato di nuovo in salute dopo il tre a uno rifilato al Chievo Verona nell’ultimo turno di campionato. Gli azzurri, dopo un fisiologico periodo di appannamento coinciso con i complicati impegni affrontati nel mese di febbraio, hanno ritrovato gioco e brillantezza. Ingredienti giusti per un match da dentro fuori, parimenti importante per entrambe le compagini, obbligate a non incappare in ulteriori passi falsi per non perdere di vista i rispettivi traguardi da tagliare. Il Palermo è pronto a dire addio alla difesa a tre proposta con continuità in campionato per sposare la linea a quattro tanto cara all’ex allenatore, tra le altre, di Sampdoria e Torino. Novellino opta per la difesa a quattro con Struna, Gonzalez, Andelkovic e Pezzella: centrocampo a tre con Hiljemark, Jajalo, Chochev, mentre Vazquez agirà alle spalle di Quaison e Gilardino. Nel Napoli nessun cambio: giocano i titolarissimi di Sarri. In campo dal primo minuto Marek Hamsik.

PALERMO-NAPOLI FORMAZIONI UFFICIALI

PALERMO 4-3-1-2: Sorrentino, Struna, Gonzalez, Andelkovic, Pezzella; Hiljemark, Jajalo, Chochev;  Vazquez, Quaison; Gilardino.  . All. Novellino.

NAPOLI 4-3-3: Reina, Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Jorginho, Hamsik, Allan; Mertens, Callejon, Higuain. All.Sarri

Maurizio Sarri, allenatore del Napoli, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match con il Palermo. Ecco tutte le sue dichiarazioni: “Il futuro non lo conosce nessuno, ora sento la necessità di allenare la mia squadra tutti i giorni. Bologna tutta la vita, eravamo ancora in fase di assemblamento, anche se poi loro hanno dimostrato di avere un buon livello. Col Milan sei tiri loro, venti noi, come col Chievo. A Torino abbiamo giocato alla pari, cosa che è riuscita finora solo al Bayern. Mi dispiace che prendiamo gol pur facendo prove difensive di ottimo livello. In fase difensiva devi fare bene sempre per 90 minuti, anche se fai bene per 89 può non bastare. Alcuni gol sono episodi, ma visto che accadono ormai sistematicamente non dobbiamo pensare alla sfortuna e dobbiamo fare qualcosa in più per evitare cali di intensità”.