SHARE

tavano

Francesco Tavano, attaccante dell’Avellino che ha militato per diverse stagioni con l’Empoli in Serie A ed in Serie B competendo spesso ad alti livelli, ha subito stamane un malessere durante il tragitto in treno che dalla località toscana lo stava conducendo a Napoli dove poi avrebbe dovuto raggiungere il capoluogo irpino per la ripresa degli allenamenti della sua squadra successivamente alla bella vittoria dei biancoverdi ad Ascoli per 4-3 nell’ultimo turno del campionato di Serie B.

MINIVACANZA – Tavano, 36 anni, aveva approfittato di qualche giorno di libertà concesso da Attilio Tesser ai suoi giocatori come premio per la buona prestazione sciorinata nelle Marche. L’ex attaccante tra le altre di Roma, Valencia e Fiorentina, era stato con la famiglia che risiede ad Empoli facendo registrare già un attacco febbrile molto alto, cosa che gli ha permesso di ottenere un giorno supplementare per riaggregarsi ai compagni di squadra. Il rientro ad Avellino è slittato dunque a questa mattina, e pochi minuti dopo l’inizio del viaggio in direzione Campania c’è stato una nuova escalation di febbre.

LA PRUDENZA NON E’ MAI TROPPA – Tavano ha quindi precauzionalmente optato per l’interruzione del tragitto chiedendo di poter scendere dal convoglio e di essere ricoverato al più vicino ospedale. Conferme in questo senso sono giunte anche dall’ufficio stampa dell’Avellino Calcio, che comunque ha specificato come il giocatore abbia subito una spossatezza da poter ricondurre più ai viaggi degli ultimi giorni che ad altro. Allarme rientrato quindi, se di allarme si può parlare: Tavano si aggregherà tra qualche giorno al suo attuale club, non appena si sarà ristabilito al 100%.

 

SHARE