SHARE

de laurentiis

Aurelio De Laurentiis, a margine della presentazione del libro “Tre meno meno – Diario di un gourmet napoletano” di Maurizio Cortese, noto gourmet napoletano, ha rilasciato interessanti dichiarazioni a Il Napolista. Il presidente del Napoli ha annunciato che da giugno nascerà la prima vera televisione del Napoli per combattere i programmi televisivi delle tv locali “Il lunedì sera le tv napoletane dicono le più grandi stronzate. Ma questa storia finirà: da giugno avrete la vera televisione del Napoli che farò io”.

Spazio anche per parlare del mercato e delle offerte per Hamsik ed Higuain: “La gente non sa che questo fesso, o non fesso, ha rinunciato a 95 milioni durante il mercato estivo. E mi riferisco a tutte le offerte che ho ricevuto, tra cui quella di 30 milioni della Juventus per Hamsik. Qualcuno ha persino bussato per Higuain, perciò ho messo quella clausola, poi se c’è qualcuno disposto a pagarla, vedremo; la madre degli stupidi è sempre incinta. Non ho messo in vendita nessuno perché avendo un nuovo allenatore non potevo permettermi di fare una squadra. Gli ingredienti per fare una buona ricetta c’erano tutti. Il Napoli fa quello che può. Con i nostri 120 milioni di fatturato contro i 380 della Juve, era complicato far rimanere i calciatori che siamo riusciti a far rimanere. Io sono un teorico dei bilanci. Non ho mai rimesso una lira nel cinema. E trovo scorretto rimettere soldi nel calcio, perché vorrebbe dire che le cose non funzionano. Adesso vedo che anche altri sono venuti sulle mie idee. Rummenigge a Agnelli parlano di campionato europeo, come dicevo io. Tutte contro tutte, non per estrazione e per fortuna. Così ridurremo anche le squadre dei campionati nazionali. Che bello parlare di campionato delle cinque nazioni: Inghilterra, Francia, Spagna, Germania, Italia. Un torneo da dieci miliardi di fatturato e a quel punto non ce ne sarà più per nessuno”.

Infine il presidente ha rivelato i motivi che lo hanno spinto a scegliere Maurizio Sarri: “Perché legge, perché è di sinistra e perché ha lavorato in altri settori come quello dei cambi. Anche io giocavo con i cambi, devi avere una mente elastica, devi prendere decisioni al volo”.

SHARE