SHARE

dybala cuadrado juventus sassuolo

Paulo Dybala, attaccante della Juventus, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni de “El Chiringuito”. Il giovane argentino, pagato in estate dalla società bianconera ben 40 milioni di euro, ha già segnato con la sua nuova squadra ben quattordici reti in Serie A fino a questo momento. Durante il derby di Torino l’ex Palermo è stato costretto ad uscire anzitempo: al suo posto è entrato Morata che ha firmato una doppietta nella gara vinta dagli uomini di Allegri  per 1-4 all’Olimpico di Torino. Ecco tutte le dichiarazioni di Dybala in cui ha parlato anche della sua infanzia e della scomparsa di suo padre:

INIZI –  “Vengo da un popolo molto piccolo, in cui i sogni sono tanti. Quando ero un bambino la mia famiglia mi accompagnava a casa, mio fratello e soprattutto mio padre. Di lui ho tanti ricordi belli, che spesso mi rendono anche triste, ma averlo perso a dodici anni mi ha reso più forte, mi ha aiutato a crescere”.

JUVENTUS – “Giocare nella Juventus è una cosa magnifica, un vero sogno giocare in un club così importante. E’ stato un salto importante per la mia carriera, a ventidue anni passare in una società del calibro della Juventus è indescrivibile. Morata è una gran persona, ora siamo amici. Quando io ero al Palermo e lui alla Juve mi fece un intervento molto duro, ma nonostante ciò ora siamo amici (ride, ndr)”.

MESSI – “Quando un idolo come lui dice questo di te vuol dire che stai lavorando bene, che stai alimentando al meglio il tuo cammino”.

RONALDO – “E’ un giocatore di classe, da ammirare. Può trasformare ogni azione in rete”.

SPAGNA – “Il Real Madrid ha un buon gioco. E’ difficile che in poco tempo Zidane possa dare il gioco che vuole. In attacco il Barcellona è la squadra più forte che ci sia”.

CHAMPIONS LEAGUE – “La vincerà una tra Barcellona e Bayern Monaco”.

SHARE