SHARE
Kevin Lasagna, Carpi - Fonte account Twitter ufficiale Carpi
Kevin Lasagna, Carpi - Fonte account Twitter ufficiale Carpi

lasagna-carpi

Le battute sul suo cognome si sprecavano in passato e si sprecano anche ora, anche se attualmente gli faranno piacere (come dimenticare la pubblicità della Barilla dopo il pareggio contro l’Inter). Kevin Lasagna si dimostra sempre più decisivo per le sorti del Carpi. L’attaccante classe’92 ha oggi realizzato un gol pesantissimo al “Bentegodi” contro il Verona, regalando tre punti preziosissimi per la formazione emiliana.

LASAGNA, PIZZA E BIRRA Castori lo vede prima esterno, poi spostato al centro. In principio però Lasagna giocava a calcetto ed era sempre uno dei migliori giocatori dei vari tornei notturni a cui partecipava; sudava e correva con amici suoi nel mantovano, dove è cresciuto e dove tutto si concludeva sempre a suon di gol, pizza e birra al termine dei tornei. Quando il calcio comincia a diventare una questione seria, lui inizia a vagare tra le categorie inferiori del nostro calcio tanto che appena due stagioni fa, calcava i polverosi campi della Serie D, precisamente all’Este. Le sue prestazioni convincono Giuntoli che lo porta al Carpi in B per una cifra bassissima paragonata agli standard a cui il mercato cui ha abituato (75.000 euro), finendo per essere uno dei protagonisti della splendida cavalcata della formazione di Castori nella scorsa stagione. Chissà se avrebbe mai immaginato dove sarebbe arrivato, quando metteva a segno ben 21 gol nella quarta serie del nostro campionato. Quest’anno, è uno dei protagonisti della nostra serie A e – alzi la mano – chi da appassionato di calcio, non lo conosca (anche per il suo particolare cognome). Le sue presenze dal primo minuto si contano sulle punte delle dita e solitamente hanno coinciso con prestazioni deludenti. La storia cambia nel girone di ritorno quando si fa vedere a partita in corso. Gela l’Inter a San Siro firmando il gol dello storico pareggio del Carpi all’ultimo minuto, realizza poi altri gol pesanti contro Roma e Fiorentina (entrambi illusori) per quello che sarà poi solo e soltanto un pareggio momentaneo.

Lasagna ha il pregio di spaccare in due le partite: i compagni puntano su di lui mandandolo in profondità consci della sua straordinaria rapidità. Il gol messo a segno ieri, il suo quarto in campionato è il più bello, direttamente su calcio di punizione, soprattutto il più pesante perché ottenuto contro una squadra dello stesso livello del Carpi e soprattutto perché ha regalato, per la prima volta in stagione, i tre punti alla sua squadra. La salvezza dei biancorossi passerà dai suoi gol e soprattutto dalla sua capacità di entrare a partita in corso. Attualmente se la formazione di Castori è a pari punti con il Palermo, ed è davvero ad un passo da una salvezza che ad inizio anni in pochi avrebbero immaginato, è anche merito di Kevin Lasagna che, ora come ora, non festeggia più solo con una pizza o una birra e non vale certo quei famosi 75.000 euro…

di Marco Bruno

SHARE