SHARE

aia-torino-juventus-bavaglio

Clamoroso: un giornalista napoletano denuncia l’arbitro Rizzoli dopo Torino-Juventus per via dell’arbitraggio che avrebbe favorito i bianconeri.

Più passa il tempo e più, evidentemente, Winston Churchill pare aver ragione: “Gli italiani perdono le guerre come se fosse partite di calcio e le partite di calcio come se fossero guerre”. D’altronde, praticamente da sempre la polemica va a braccetto con il nostro campionato, a dispetto della squadra vincitrice. Ebbene, persino Churchill probabilmente non si sarebbe mai aspettato che un giornalista, dopo una partita contestata, potesse decidere di denunciare ufficialmente l’arbitro di suddetta gara.

Tutto ciò è però avvenuto ad opera di Luigi Giordano, giornalista partenopeo che svolge anche la professione di avvocato e che, dopo i fatti del Derby, ha deciso addirittura di sporgere denuncia verso l’arbitro Rizzoli, reo di aver favorito con la sua direzione di gara i campioni d’Italia della Juventus, rivolgendosi alla Procura della Repubblica di Torino. Ovviamente, la denuncia riguarda tutto l’andamento del match, con particolare attenzione rivolta agli episodi dubbi come la mancata espulsione di Alex Sandro, il gol regolare annullato a Maxi Lopez sull’1-2 e l’atteggiamento intimidatorio di Bonucci nei confronti dello stesso Rizzoli non punito dall’arbitro della finale Mondiale del 2014.

“Io ho fatto il mio dovere da avvocato e da tifoso azzurro ora fiducia nei magistrati torinesi”, ha spiegato lo stesso Giordano su Facebook tramite Pianeta Napoli, il sito di cui proprio Giordano è caporedattore. Una mossa clamorosa che rischia di aprire un precedente molto particolare e che sicuramente non potrà che alimentare ancora di più le polemiche riguardanti un match che già di per sé era stato teso e vibrante durante i 90′ e che, a questo punto, verrà citato e ricordato per decisamente molto tempo. Vedremo se questa denuncia avrà un qualche tipo di seguito. Intanto, siamo sicuri, da qualche parte Churchill ha visto tutto e ride di gusto, divertendosi.

SHARE