SHARE

bayern monaco-juventus-morata

Una voce dalla Spagna potrebbe scuotere l’universo Juventus: il Real Madrid del facoltoso Florentino Perez avrebbe deciso di riportare alla “casa madre” madridista proprio Alvaro Morata. La testata iberica AS, da sempre vicina agli ambienti dei Blancos, attraverso il suo sito ufficiale, ha reso noto la possibile suggestione di calciomercato offrendo l’importante spunto di rivendita della punta bianconera, evenienza questa che chiamerebbe in causa grandi interessi da parte delle big europee, pronte a mettere sul piatto la bellezza di 50 mln di €.

REAL MADRID E LA RECOMPRA La società delle Merengues è pronta ad utilizzare l’opcion de recompra – aggirando così il contratto del calciatore – per impossessarsi del cartellino del talentuoso classe 1992; 30 mln di €, ecco quanto basterebbe per colmare la misura e riportare il canterano a Madrid. L’attuale numero 9 della Juventus potrebbe però, subito, fare le valigie e dirigersi verso altri lidi: Bayern Monaco, Arsenal e altri top team continentali si mantengono vigili con il libretto degli assegni in mano. Per una plusvalenza totale che si aggirerebbe intorno ai 40 mln.

Intanto Morata sembra aver ritrovato se stesso dopo le recenti uscite, spiegando nel post partita del derby della Mole “Abbiamo risposto all’eliminazione Champions in una gara importante, eravamo rimasti male per il ko di Monaco. Questa partita ci dà una carica positiva per la parte  finale della stagione. Volevamo vincere tutto. Potevamo conquistare la Champions, adesso possiamo vincere scudetto e coppa Italia. Il mister mi ha lasciato in panchina e mi aspettavo di esserci. Ma si gioca di squadra. Abbiamo vinto, mi spiace per Paulo uscito prima, speriamo che non sia niente. Tutti siamo al servizio della Juve: dobbiamo lottare , in campo e in panchina”. Chissà che non tocchi proprio a lui, alla fine, fare la scelta giusta per quanto concerne il suo futuro, la decisione di dire addio alla casacca bianconera non è poi così scontata sia una verità assoluta nella mente dello spagnolo.

 

Stefano Mastini

SHARE