SHARE
Adam Johnson - Fonte Premier League Twitter
Adam Johnson - Fonte Premier League Twitter
Adam Johnson - Fonte Premier League Twitter
Adam Johnson – Fonte Premier League Twitter

E’ giunta ad una conclusione la vicenda che riguardava l’ex centrocampista della nazionale inglese Adam Johnson. Il calciatore era stato accusato negli scorsi mesi di aver avuto una relazione con una ragazza di 15 anni. Oggi è arrivata la sentenza da parte della Corte di Giustizia di Bradford che ha condannato l’ex Sunderland a sei anni di carcere. Queste le parole del giudice Jonathan Rose: “La ragazza ha dovuto sopportare delle severe avances psicologiche. L’offesa è stata aggravata dal fatto che Johnson ha preso la ragazza in un posto buio, nascondendo quello che sarebbe stato il suo crimine. La vittima soffre adesso di incubi e ha bisogno della terapia”. La Corte, dunque, ha condannato il centrocampista per aver “avvicinato” ed aver avuto una relazione con una ragazza minorenne di cui il calciatore si sarebbe approfittato. Inoltre, il giudice Rose continua accusando Johnson: “Tu eri un rispettabile giocatore del Sunderland e la ragazzina era una fan, proprio per questo lei si fidava“.

L’ex Manchester City, che in questa stagione ha totalizzato 20 presenze e due gol con la maglia del Sunderland, sconterà la prima metà della pena in carcere per poi completarla in licenza. Prima della sentenza di oggi, oltre che di abuso sulla ragazza, Johnson era accusato anche di violenza sessuale e di adescamento.

Classe 87′, il centrocampista inglese ha davanti a sé un futuro molto incerto. Tra sei anni, infatti, molto probabilmente farà fatica a ritrovare la forma e, soprattutto, una squadra disposta ad offrirgli un contratto. Johnson aveva iniziato la sua carriera partendo dalle giovanili del Middlesbrough, e dopo una serie di prestiti era tornato nel club che lo aveva lanciato nel panorama calcistico. Le sue qualità avevano stupito gli osservatori del Manchester City che nel 2010 lo avevano acquistato per una cifra intorno agli otto milioni di £. Dopo aver raggiunto anche il traguardo della convocazione in nazionale, nel 2012 è passato al Sunderland per la bellezza di 13 milioni; quest’anno, in seguito alle accuse di pedofilia, i Black Cats  hanno deciso di rescindergli il contratto.

Federico Pagano

SHARE