SHARE
Pantaleo Corvino - Fonte ACF Fiorentina
Pantaleo Corvino - Fonte ACF Fiorentina
Pantaleo Corvino - Fonte ACF Fiorentina
Pantaleo Corvino – Fonte ACF Fiorentina

E’ stato, e sarà presumibilmente, uno dei Direttori Sportivi più amati di sempre; conosciuto anche come il “Mago di Vernole” Pantaleo Corvino sarebbe vicinissimo alla rescissione del contratto che lo lega al Bologna. A lanciare la notizia del suo presunto addio è stata l’emittente televisiva Sky Sport: “L’attuale direttore sportivo rossoblu, infatti, ha deciso di fare un passo indietro dopo aver constatato che non sussistevano più le condizioni per lavorare secondo il suo modus operandi, nonostante i tentativi della società di fargli cambiare idea. Corvino, dunque, è stato irremovibile nella sua decisione e ora si va verso la risoluzione del contratto (la cui durata sarebbe di altri due anni), già nei prossimi giorni, con effetto immediato. Corvino è pronto a lasciare il Bologna, con la convinzione però di aver centrato gli obiettivi richiesti dalla società, sia sul campo che sul mercato, lasciando in eredità giovani di prospettiva quali ad esempio Donsah e Diawara.”. (fonte Sky Sport)

CORVINO E IL FUTURO Nelle ultime ore si è parlato per il Dirigente sportivo di un potenziale ritorno a Firenze, una piazza che ha apprezzato, a tempi alterni, l’operato dell’ex Lecce e che ha giovato delle sue intuizioni (Jovetic, Ljajic, Nastasic, ecc ecc), ipotesi questa paventata anche da Sky Sport: “Da Bologna a Firenze, il futuro di Corvino potrebbe essere nuovamente in viola. Anche se questo, al momento, è solo uno scenario. Lui, in ogni caso, sarebbe pronto a lavorare d’equipe, come in passato peraltro quando portò Macia nel club per condividere idee e strategie”. Intanto in giornata i vertici della Fiorentina, attraverso le parole di Andrea Della Valle, smentiscono la possibilità di un ritorno di fiamma della Viola per Corvino: “Notizie che destabilizzano l’ambiente, le accetto ma non le commento. Ne parlerò quando sarà il momento. Però ho sempre detto che siamo tutti in discussione”.

 

Stefano Mastini

SHARE