SHARE
Uefa Euro 2016 - Fonte Uefa
Uefa Euro 2016 - Fonte Uefa
Uefa Euro 2016 - Fonte Uefa
Uefa Euro 2016 – Fonte Uefa

Roy Hodgson, Antonio Conte e Fatih Terim: questo è lo speciale podio di Euro 2016 sul conto degli stipendi dei CT. A dirlo è l’inchiesta condotta dal network di video e grafiche Fanatix che, attraverso un’infografica pubblicata attraverso il proprio account Twitter, ha reso noto gli emolumenti annui di tutti i Commisari Tecnici. Prime tre posizioni “molto italiane”, con i protagonisti che possono vantare nella propria carriera un’esperienza in Serie A, rispettivamente con Inter, Juventus e Fiorentina. Evidentemente un marchio di fabbrica per il nostro campionato da sempre avvezzo a “sfornare” allenatori bravi e capaci sotto il profilo tecnico-tattico, caratteristica fondamentale per poter dirigere una selezione nazionale.

HODGSON IN TESTA Il primatista della classifica degli stipendi dei CT è Roy Hodgson, il selezionatore britannico percepisce la bellezza di 5 mln di € annui per un corrispettivo di poco inferiore ai 420mila mensili. Dietro di lui Antonio Conte che deve accontentarsi della seconda piazza con 4,6 mln di €, cifra di tutto conto al di sopra dei budget imposti dalla FIGC e corrisposta in parte come d’accordo con lo sponsor degli Azzurri. Distaccato di circa un milione l’ex Fiorentina e Galatasaray Fatih Terim, “l’Imperatore”, sotto contratto con la Turchia; dietro di lui il CT tedesco Campione del mondo Joachim Low (3,2 mln), seguito a ruota da quello della Spagna Vicente del Bosque (3 mln) e della Francia Didier Deschamps (2 mln).

Solo in 14° posizione il nostro connazionale Gianni De Biasi che con la sua Albania ha centrato una qualificazione storica, il suo stipendio ammonta a 280mila € annui, per un corrispettivo mensile intorno ai 23mila €. Chiude questa speciale classifica il CT russo, Leonid Slutsky, che non presenta alcun stipendio fisso, essendo infatti sotto contratto con il CSKA Mosca, ma incasserà solo e soltanto gli eventuali bonus legati alle prestazioni dei suoi uomini. “Possono i soldi comprare il successo a Euro 2016?”.

 

Stefano Mastini

SHARE