SHARE
Italia-Spagna - Fonte Euro 2016 Twitter
Italia-Spagna - Fonte Euro 2016 Twitter
Italia-Spagna - Fonte Euro 2016 Twitter
Italia-Spagna – Fonte Euro 2016 Twitter

Italia-Spagna termina in parità alla “Dacia arena” di Udine. Al gol di Insigne risponde immediatamente Aduriz. Buona prova degli azzurri che avrebbero meritato di più. Queste le pagelle del match a cura della redazione di Maidirecalcio.

ITALIA

Buffon: Poco impegnato per tutta la partita, non è perfetto in occasione della respinta che porta al pareggio della Spagna. Voto 5,5

Darmian: Gioca una buona partita, è propositivo, fa partire diversi cross che non sono sempre precisissimi. Voto 6

Bonucci: Prova attenta del centrale juventino, che va anche vicino al gol di testa su calcio d’angolo. Voto 6

Astori: Sul gol non è perfetto e si lascia anticipare, anche se ha l’alibi della posizione irregolare. Voto 5,5

Florenzi: Si muove moltissimo e svaria su tutto il fronte, riesce a svolgere bene sia la fase difensiva che quella offensiva andando anche più volte al tiro. Voto 6,5 (90′, De Silvestri s.v.)

Thiago Motta: Parte sottotono, ma dopo un po’ prende in mano la squadra e la gestisce con autorità candidandosi per un posto agli Europei. Voto 6,5

Parolo: Alterna un pressing asfissiante ad una costruzione di gioco intelligente, ogni tanto tenta anche degli inserimenti che non hanno successo. Voto 6,5 (90′, Jorginho s.v.)

Giaccherini: Conte ha sempre puntato molto su di lui e finalmente l’ha potuto provare in azzurro. Confezione l’assist per il gol del vantaggio, in generale corre molto ed è spesso imprendibile per gli avversari. Voto 7 (79′Antonelli s.v.)

Candreva: Buona partita del giocatore della Lazio, che spesso si porta al tiro ed è bravo a muoversi sul campo per aprire varchi a favore dei compagni. Voto 6,5 (61′, Bernardeschi: Nessun timore reverenziale per il suo debutto in azzurro, gioca un’ottima mezz’ora in cui si mette in mostra per la sua rapidità. Voto 6,5)

Pellè: Si dà da fare, ma non riesce a costruire occasioni veramente pericolose. Riesce ogni tanto a svolgere un buon lavoro di sponda. Voto 6 (61′, Zaza: Entra ed impone un cambio di marcia deciso all’attacco confermandosi una buona freccia per l’arco di Conte. Voto 6,5)

Eder: Prosegue il periodo negativo dell’italo-brasiliano. Praticamente invisibile nel corso della prima frazione di gioco, viene sostituito nell’intervallo. Voto 5 (51′, Insigne: Entra e cambia il volto alla partita, dopo averci provato più volte riesce a segnare il suo secondo gol in azzurro. Apre in due la difesa iberica e fa ripartire in velocità l’Italia in diverse circostanze. Voto 7,5)

SPAGNA

De Gea: Si fa sempre trovare pronto ed effettua più volte degli ottimi interventi. Molto affidabile, non può nulla sul gol degli azzurri. Voto 7

Juanfran: Non una partita impeccabile, perde troppi palloni pericolosi vicino all’area di rigore. Voto 5,5 (79′, Jordi Alba: s.v.)

Sergio Ramos: Rischia grosso su un cross di Candreva, riesce anche a chiudere di tanto in tanto ma soffre la velocità degli esterni italiani. Voto 5,5 (46′, Nacho: Soffre e non poco le ripartenze dell’Italia, gioca raramente nel proprio club e paga un difetto di forma. Voto 5,5)

Piqué: Si fa trovare spesso attento sulle ripartenze azzurre: sorpreso dalla velocità di Zaza, viene ammonito per un ingenuo fallo di mano . Voto 6

Azpilicueta: Partita ordinata, senza infamia e senza lode. Se la cava senza correre troppi rischi. Voto 6

Fabregas: Il talento del Chelsea si nota davvero poco, fermato da un pressing asfissiante dei centrocampisti dell’Italia che gli impediscono di costruire gioco. Voto 5,5

Thiago Alcantara: Partita di sostanza e concreta, anche lui però non riesce a rendersi pericoloso o a creare grosse occasioni. Voto 6 (61′, Isco: Si rende protagonista di alcune finte, ogni tanto prova delle aperture che non riescono sempre. Voto 6)

San José: Ordinato in mezzo al campo, riesce a chiudere alcune avanzate degli avversari, ma non è certo uno dei più in forma della serata. Voto 6

Morata: Gioca una partita ordinata, ha voglia di segnare al compagno Buffon, raramente però va al tiro. Si procura il gol del pareggio ma è in fuorigioco. Voto 6 (86′, Alcacer: s.v.)

Aduriz: Non offre una gran prova, ma questa è la sua stagione e si regala il primo gol con le furie rosse facendosi trovare pronto sulla respinta di Buffon, piazzando la zampata vincente. Voto 6,5 (71′, David Silva: Entra dopo il gol e quando la partita comincia ad essere spezzettata, non ha grandi occasioni per mettersi in mostra ma si dà da fare. Voto 6)

Mata: Non lascia grandi segni sul terreno di gioco, viene chiuso e anticipato quasi sempre dai difensori azzurri. Voto 5,5 (46′, Koke: lascia tracce dal punto di vista della fisicità, ma non è mai molto pericoloso in avanti. Voto 6)

Marco Bruno

SHARE