SHARE

insigne-nazionale-italia

Un undici con colpi da dieci. Il talento di Lorenzo Insigne ha trovato libero sfogo ieri, in occasione dell’amichevole Italia Spagna disputata al vecchio Friuli di Udine. L’esterno partenopeo, dopo i problemi (nascosti a fatica ma poi confermati) riscontrati con Antonio Conte, ha affidato al campo la replica più importante sfornando una prestazione super, coronata da un gol e da tante giocate di grandissimo rilievo. Quaranta minuti da protagonista con la maglia della nazionale italiana e i dubbi definitivamente dissipati sulla convocazione per i prossimi campionati europei. L’ex tecnico della Juventus sa di non poter rinunciare ai servigi di un calciatore ormai completo, disposto al sacrificio e abituato a garantire un rendimento importante in entrambe le fasi di gioco. La prova del nove con la Spagna ha fornito, in tal senso, risposte assolutamente confortanti: Insigne si è dato un gran da fare, ha lavorato per i compagni, ha dato manforte ai difensori quando gli avversari si sono proposti con pericolosità sulla sua fascia di competenza.

Una prestazione “sorprendente”, rimarcata dagli stessi media spagnoli che non hanno avuto esitazioni nell’esaltare la splendida prestazione dell’attaccante napoletano. Su tutti Marca che non ha utilizzato mezzi termini per raccontare la serata d’oro di Lorenzo Insigne: “Il piccolo Insigne, amato e discusso a Napoli, è stato il migliore a capire i problemi della Spagna. Quasi tutti gli attacchi italiani sono passati per i suoi piedi, che ha raggiunto l’area di rigore spagnola con grande facilità. Un incubo per la difesa di Del Bosque. Stava per lasciare anche la più bella pennellata della serata con un tiro avvelenato parato però da De Gea”. Buone nuove per Conte e per l’Italia che ha dato l’impressione di essere squadra, nonostante qualche limite tecnico. Buone sensazioni in vista degli Europei di Francia, oramai alle porte. Ora il test con la Germania, poi la lista dei ventitré che valicheranno le alpi per provare a compiere l’impresa.

SHARE