SHARE

higuain-napoli-inter

La contabilità dell’attaccante argentino del Napoli, Gonzalo Higuain, è in costante aggiornamento ormai sin dalla seconda giornata di questo campionato di Serie A quando ‘El Pipita’ realizzò le prime due reti in stagione in casa contro la Sampdoria che avrebbero fatto da apripista a quella che già ad oggi è la sua miglior annata dal punto di vista realizzativo. Il bomber albiceleste è infatti in un sol colpo capocannoniere indiscusso dell’attuale Serie A con 29 centri e al contempo in piena lotta per la prestigiosa ‘Scarpa d’oro’ che premia il calciatore che ha ottenuto il miglior punteggio calcolato moltiplicando il numero di reti messe a segno in partite di campionato per il coefficiente di difficoltà del torneo stesso. Per intenderci al momento l’argentino è al primo posto con il brasiliano del Benfica Jonas, ed è in lotta con campioni del calibro di Luis Suarez e Cristiano Ronaldo, già vincitore per 4 volte di questo titolo individuale. Higuain ha sin qui messo le sue reti al servizio di un Napoli in lotta per il titolo come non accadeva realmente dai gloriosi tempi di Maradona e si accinge a raggiungere quota 100 presenze in Serie A, tutte con gli azzurri.

HIGUAIN AL TOP – Il ‘Pipita’ ex Madrid domenica pomeriggio all’ora di pranzo, al rientro dalla sosta in quel di Udine, taglierà proprio il traguardo delle 100 apparizioni nel massimo torneo italiano portando in dote con se l’ennesimo record di una stagione quasi da incorniciare. Higuain infatti si accinge a scavalcare alcuni tra i più grandi centravanti del passato, grazie alle sue 64 reti nelle prime 99 di A che danno come frutto una media realizzativa di 0,65. Dando infatti per assodata la centesima presenza di domenica contro l’Udinese, l’ex River batterà in un sol colpo bomber sudamericani del passato più o meno recente come Edinson Cavani, Hernan Crespo, Gabriel Batistuta e Abel Balbo. Nessun sudamericano infatti è riuscito a segnare quanto lui nelle prime 100 gare in Serie A. L’ex partenopeo Cavani si fermò a sole 29 reti nelle prime 100 a Palermo, mentre Crespo tagliò il traguardo a tre cifre con 52 goal all’attivo e Batustuta stoppò la lancetta delle segnature a 59. Numeri da capogiro per il 9 del Napoli che iniziò il suo percorso campano la sera del 25 agosto del 2013 contro il Bologna per poi mettere a segno il suo primo sigillo ufficiale la giornata successiva a Verona contro il Chievo.

SOTTO COL 30 – Le 29 reti del ‘Pipita’ in questa Serie A potrebbero però essere ancora incrementate considerando le rimanenti 8 giornate che potrebbero regalare all’argentino un altro record, quello di miglior marcatore in una singola stagione di Serie A. Intanto con la prossima rete in campionato arriverà a quota 30 in questo torneo entrando in una ristretta elite di campioni in grado di raggiungere un simile risultato, impresa riuscita al solo Luca Toni 10 anni fa dall’ormai lontanissimo 1958/59.

SHARE