SHARE
Carlitos Tevez - Fonte Twitter Boca Juniors Ufficiale
Carlitos Tevez - Fonte Twitter Boca Juniors Ufficiale
Carlitos Tevez - Fonte Twitter Boca Juniors Ufficiale
Carlitos Tevez – Fonte Twitter Boca Juniors Ufficiale

Arrivano nuove dichiarazioni da parte dell’attaccante del Boca Juniors Carlitos Tevez sempre al quotidiano sportivo Marca dopo quelle proferite stamani dall’Apache. Il prossimo impegno del Boca Juniors è in programma sabato 2 aprile contro l’Atletico Rafaela, una sfida da non sbagliare per gli Xeneizes che hanno tutta l’intenzione di riprendersi in fretta dopo il passo falso commesso appena una decina di giorni fa contro in casa del Lanus.

CARLITOS TEVEZ E MANCINI Questo quanto ha aggiunto l’ex punta della Juventus ai microfoni di Marca sul conto di Roberto Mancini, suo manager ai tempi di quando militava al Manchester City in Premier League: “Stavamo giocando una partita importante di Champions League contro il Bayern Monaco e lui mi lasciò in panchina. Quando mancavano dieci minuti alla fine del primo tempo mi disse che dovevo iniziare a riscaldarmi, e poi all’intervallo mi disse che mi avrebbe fatto entrare nel secondo tempo. Stavamo perdendo 2-0 e inserì De Jong per Aguero. Sono rientrato e mi sono seduto in panchina, allora ho pensato che non sarei entrato. Lui mi ha ripetuto di riscaldarmi e gli ho detto che ero già pronto e che avrebbe potuto mandarmi in campo quando avrebbe voluto. Ha iniziato a dire che non volevo entrare e mi ha creato dei problemi”.

Poi la stoccata finale da parte di Tevez all’indirizzo dell’attuale allenatore dell’Inter “Mi ha mandato ad allenarmi con le riserve e il giorno dopo sono andato in Argentina. Mi ha chiamato quando le cose si erano complicate e sono tornato. Abbiamo vinto il campionato“. L’Apache ha già trovato la via del gol 8 volte in 15 presenze, un bottino ragguardevole che però non può soddisfare del tutto l’appetito di un campione del suo calibro.

Stefano Mastini

SHARE