SHARE
fonte foto: www.sleafordstandard.co.uk
Sleaford Town home
Benvenuti all’Eslaforde Park, casa dello Sleaford Town fonte: www.sleafordstandard.co.uk

Al giorno d’oggi una partita di calcio non si segue solo in tv. Con l’avvento dei social network gli appassionati, e non solo, possono aggiornarsi tramite Twitter sul profilo ufficiale della propria squadra del cuore. In Inghilterra, lo Sleaford Town, club nella contea del Lincolnshire, il social media manager è anche un calciatore. Strano? Harrison Allen, durante il match contro il Boston Town Jamie Shaw, ha aggiornato il live fino al minuto 70. Poi l’allenatore l’ha fatto entrare e il social media manager ha dovuto abbandonare Twitter scusandosi con un tweet al termine della partita: “Scusate per l’interruzione qui su Twitter, ma sono dovuto entrare al posto di Millard. Poi sono entrati anche Anderson per Millington e Hollingswort per Wright”.  ‘Sorry for break in tweets. I came on as a sub for Millard’ è diventato la copertina dell’account Twitter del piccolo club inglese. I followers sono aumentati a dismisura e il giovane Allen ha spiegato tutta la vicenda: “Il solito social media manager, Jamie Shaw, era fuori per lavoro. Ho chiesto se l’avessi potuto fare io. Stavo solo facendo il mio lavoro. Eravamo solo in tre in panchina, stavo pensando di passare il telefono a qualcun’altro ma siamo entrati tutti più o meno allo stesso momento”.  Poi aggiunge: “Dopo la partita così ho deciso di aggiornare tutti. Qualcuno da Boston ha twittato dicendo che era una cosa divertente. Ho pensato che stessero scherzando, perché avevamo pareggiato, ma i followers continuava a crescere. Jamie aveva le notifiche sul suo telefono durante la notte ed il suo cellulare era un bip bip continuo. E ‘stato davvero divertente e mi fa piacere la pubblicità, che è davvero  una cosa buona per il club. So che l’allenatore, Paul Ward, sarà un pò confuso da tutto questo”. Calciatore e social media manager, l’incredibile storia di Harrison Allen.

SHARE