SHARE
Matheus Pereira da Silva - Fonte profilo ufficiale Twitter
Matheus Pereira da Silva - Fonte profilo ufficiale Twitter
Matheus Pereira da Silva - Fonte profilo ufficiale Twitter
Matheus Pereira da Silva – Fonte profilo ufficiale Twitter

Le mani della Juventus su Matheus Pereira. Il nuovo talento brasiliano in forza al Corinthians è ad un passo dal vestire la casacca bianconera: l’accordo tra le parti già ci sarebbe, con il rappresentante del calciatore diciottenne, Thiago Ferro, che avrebbe trovato la formula giusta per concludere l’affare sulla base di 2-3 mln di € più bonus (tetto massimo di quasi 5 mln di €). Da limare ancora i dettagli con il club paulista, non proprio propenso a lasciarsi sfuggire un così interessante talento a fronte di un introito molto basso (5% sul cartellino), essendo di fatto il calciatore di proprietà al 95% dal fondo di investimento che fa capo Fernando Garcia. Da sempre nel mirino di big club europei, Manchester City e Inter su tutti, l’amministratore delegato bianconero Giuseppe Marotta non ci ha pensato su due volte e ha deciso di stringere i tempi, onde evitare che si creasse un’asta al rialzo, anticipando così la concorrenza.

MATHEUS PEREIRA Soprannominato Pirulão per la sua altezza (181 cm), è uno dei volti nuovi del calciomercato verdeoro, uno dei tanti pezzi da 90 in mostra nel campionato carioca, pronto a spiccare il volo e far parlare di sé soprattutto nel Vecchio Continente, da sempre terra di conquista per le mezzale sudamericane. Visione di gioco e capacità di inserimento, queste le sue prerogative principali, il tutto senza dimenticare il lato tecnico, un must degli interni verdeoro. Lo scorso anno è stato tra i talenti che hanno incantato in occasione del Sub-17, manifestazione poi vinta dal Brasile di Leandrinho. Dal gennaio dello scorso anno è stato aggregato alla prima squadra per farsi le ossa, con un occhio di riguardo al lavoro atletico dove ancora il giocatore mostra delle lacune; ad ora sono solo 3 le presenze ufficiali con la casacca del club di San Paolo.

 

 

Stefano Mastini

SHARE