SHARE
Kostas Manolas - Fonte profilo Twitter ufficiale
Kostas Manolas - Fonte profilo Twitter ufficiale
Kostas Manolas - Fonte profilo Twitter ufficiale
Kostas Manolas – Fonte profilo Twitter ufficiale

Mino Raiola non ha fatto in tempo a sbilanciarsi sul destino di Kostas Manolas che, subito, sono arrivate le pronte smentite del difensore giallorosso. Le parole del potente procuratore di stamattina “Il suo nome è sui taccuini che contano. Non so se andrà in Premier, per le sue caratteristiche fisiche forse può far meglio in altri campionati. Ma ho l’impressione che la Roma faticherà a trattenerlo” (fonte Gazzetta dello Sport), non hanno tardato a destare apprensione in quel di Trigoria, tant’è che nella serata odierna ha dovuto pensarci direttamente il classe 1991 greco.

MANOLAS SMENTISCE Queste le parole di Kostas Manolas su quanto detto da Raiola sul suo futuro: “Non è il mio procuratore, quello che ha detto non è vero. Il mio agente è greco, non ho parlato mai con lui – e aggiunge poi – Sarà la società a decidere se lasciarmi andare o meno. Io ho ancora tre anni di contratto e qui sono felice, poi vedremo cosa accadrà. Totti? Spero non sia il suo ultimo derby”.

77 le presenze ufficiali con la casacca giallorossa per Kostas Manolas, arrivato a Roma dall’Olympiakos nell’estate 2014 dopo l’addio di Marquinhos volato a Parigi, invogliato dal faraonico contratto accordato dal facoltoso sceicco Tamim bin Hamad al-Thani. Il potente centrale di difesa ha avuto subito un buon impatto con il nostro campionato, divenendo in fretta un punto di riferimento per la retroguardia capitolina; un investimento oculato da parte del Direttore Sportivo Walter Sabatini, da sempre avvezzo a colpi ad effetto in fatto di difensori, che al tempo strappò il cartellino del calciatore per 15 mln di € (comprensivo di bonus). Le buone prestazioni offerte dal numero 44 agli ordini di Spalletti, soprattutto in campo europeo, hanno però accresciuto il suo valore di mercato con la società di Pallotta che sarebbe tutt’altro che intenzionata a svendere il suo patrimonio.

Stefano Mastini

SHARE