SHARE

Wes Morgan

Una rete di capitan Wes Morgan decide il match tra Leicester-Southampton e fa volare le Foxes a +7 in classifica sul Tottenham. Continua la favolosa cavalcata della squadra di Ranieri tra sogno, realtà e l’incredulità di un popolo

LA CHIAVE TATTICA – Dopo il pareggio del Tottenham in casa del Liverpool, Ranieri si gioca l’opportunità unica di stanare le inseguitrici con il solito atteggiamento tattico, i soliti uomini e le solite e vincenti idee. 4-4-1 per il testaccino, con i suoi uomini migliori in campo che hanno dato spettacolo con le rispettive nazionali, da Kantè a Mahrez, da Drinkwater a Vardy. Koeman se la gioca con il 4-2-3-1 che, dopo un avvio a rilento, ha ripagato nella seconda parte di stagione e permette ai Saints di essere in lotta per un posto in Europa. E’ Graziano Pellè a guidare l’attacco degli ospiti, con Davis, Mane e Targett alle spalle. Ed è positivo l’approccio al match del Southampton, che al King Power Stadium imprimono grande ritmo al match, cercando di attaccare l’organizzazione difensiva delle Foxes anche con un velo di aggressività. Sono almeno due le occasioni nitide per i Saints per passare in vanteggio, una clamorosa di Mane, ma quest’annata in Premier League ha un copione già scritto in cui il Leicester è il protagonista e tutte le altre possono solo partecipare a questa magnifica favola. Dopo aver sofferto per larghi tratti, la squadra di Ranieri passa in vantaggio nel finale di primo tempo con la prima rete in campionato di capitan Wes Morgan, che su un cross di Fuchs si tuffa di testa e infila Forster. Per l’ennesima volta in questa stagione, di fatto sempre negli ultimi 2 mesi, la partita si mette esattamente sui binari preferiti delle Foxes. Gli avversari attaccano, si scoprono e puntualmente vengono puniti. Letali, mortiferi, gli uomini di Ranieri alzano la diga nel secondo tempo e poi come un fiume in piena si scagliano dall’altra parte del campo alla ricerca del raddoppio. Un Foster gigantesco allunga le sofferenze del Licester fino al 95′ minuto di gioco, ma che alla fine arriva. Il sogno continua e l’estasi non è mai stato così vicina come questo pomeriggio, un folle pomeriggio in una folle annata in Premier League.

I PROTAGONISTI – Il risultato è sempre lo stesso, gli uomini sono sempre gli stessi ma è l’eroe di giornata a cambiare ogni weekend. Oggi le luci della ribalta sono per il capitano delle Foxes, l’ultimo baluardo della difesa che per una domenica si trasforma in goleador e traduce la magnifica speranza di una squadra un preciso colpo di testa. Partita mostruosa sulla destra per Simpson, solite colonne Kantè in mezzo e Vardy sempre a 1000 all’ora a seminare il panico contro una difesa intera. Il portiere dello Stoke Foster conferma il momento di forma straordinario, premiato come miglior giocatore di Marzo, e nella ripresa sbarra la strada al raddoppio del Leicester in almeno tre occasioni.

IL MOMENTO – Dopo mezz’ora di gioca il Southampton ha preso il predominio del gioco e attacca ormai con continuità l’area di Kasper Schmeichel. L’occasione incredibile per passare in vantaggio è sui piedi di Mane che parte tutto solo nella metà campo avversaria a tu per tu con l’estremo difensore danese. Dopo aver superato in dribbling il figlio dell’indimenticato Peter, tra la sfera e la rete si materializza incredibilmente Danny Simpson che cancella la gioia di Mane e cambia completamente l’inerzia del match.

LA GIOCATA – Probabilmente la meriterebbe Foster in una delle sue tantissime parate che hanno negato il raddoppio al Leicester. Il portierone di Leamington ha già vinto il premio come “Miglior giocatore del mese” e allora la giocata non va ad un singolo giocatore ma a tutti gli uomini di Ranieri per l’atteggiamento messo in campo negli ultimi minuti di gioco. Da “provinciale”, come una squadra che deve puntare alla salvezza, perchè quelli sono i reali valori in campo di questi ragazzi, congelano letteralmente il pallone, guadagnando un centimetro di campo alla volta e allontanare il pericolo. Una grandissima squadra, un grandissimo allenatore, una storia leggendaria.

IL TABELLINO

Leicester-Southampton 1-0 [38’ Morgan (L)]

LEICESTER (4-4-1-1): Schmeichel; Simpson, Morgan, Huth, Fuchs; Mahrez (dal 79’) Gray, Drinkwater, Kanté, Albrighton; Okazaki (dal 63’) Ulloa; Vardy. All. Ranieri

SOUTHAMPTON (4-2-3-1): Forster; Martina, Van Dijk, Fonte, Bertrand; Clasie (dal 73’) Austin, Wanyama; Davis (dal 73’) Ward, Mane, Targett (dal 46’) Tadic; Pellè. All. Koeman