Simeone: “In futuro ci sarà la possibilità di tornare all’Inter”

"El Cholo" Simeone.
“El Cholo” Simeone.

Raggiunto a Barcellona dai microfoni di Premium SportDiego Pablo Simeone, attuale tecnico dell’Atletico Madrid ed ex centrocampista dell’Inter, si lascia andare ad alcune dichiarazioni che solleticano la fantasia dei tanti sostenitori nerazzurri. A poche ore dall’importante gara di Champions League contro il Barcellona di Luis Enrique, valida per i quarti di finale della competizione, l’ex calciatore di Lazio, Inter e Atletico ha parlato di un suo futuro possibile ritorno a Milano. A sollecitare Simeone anche le dichiarazioni di un suo ex compagno di squadra, l’ex portiere Francesco Toldo: “Credo che Simeone sia un grande allenatore e spero che in futuro possa riuscire ad allenare l’Inter, ma non so quando, perché l’Inter ha un contratto con Mancini per un altro anno”, aveva dichiarato l’ex estremo difensore nerazzurro.

Queste le parole di Diego Pablo Simeone ai microfoni di Premium Sport: “Toldo si augura di vedermi allenare l’Inter? In futuro, durante la mia carriera, mi aspetto di andare in certi posti, prima o poi. Non oggi, perché sto bene qui. Però sono certo che arriverà la possibilità di tornare a Milano. Non è un sogno, è una situazione che mi immagino, come mi immaginavo di tornare all’Atletico di Madrid.

Il contratto di Roberto Mancini scade nel 2017 e non è un mistero che Simeone possa essere un profilo assai gradito alla dirigenza nerazzurra per un futuro sulla panchina dell’Inter. Intanto il tecnico argentino ha mercato anche in Inghilterra. Simeone il 24 marzo del 2015 ha rinnovato il suo contratto con l’Atletico di Madrid fino al 2020. L’ultimo trofeo vinto dal tecnico argentino sulla panchina della compagine di Madrid è la Supercoppa di Spagna all’inizio della scorsa stagione, nella sfida contro il Real. Il 26 settembre scorso, invece, nella gara contro il Villarreal, entra di diritto nella storia dell’Atletico raggiungendo il record di 211 partite consecutive sulla panchina dei colchoneros, superando il primato di Aragonés.