PSG-Manchester City, formazioni ufficiali: Ibra e Cavani

PSG-Manchester City, formazioni ufficiali: Ibra e Cavani

Zlatan Ibrahimovic PSG - Fonte Twitter PSG
Zlatan Ibrahimovic PSG – Fonte Twitter PSG

PSG-Manchester City, le formazioni ufficiali

PSG (4-3-3) Trapp, Aurier, Thiago Silva, David Luiz, Maxwell, Rabiot, Motta, Matuidi, Di María, Ibrahimovic, Cavani. Allenatore: Blanc.

Manchester City (4-2-3-1) Hart, Sagna, Otamendi, Mangala, Clichy, Fernando, Fernandinho, Navas, Silva, De Bruyne, Aguero. Allenatore: Pellegrini.

PSG-Manchester City, le parole degli allenatori alla vigilia

Qui Blanc “Ho bellissimi ricordi di quando giocavo al Manchester United. Passavamo vicino al campo di allenamento del City, che era vicino al nostro, ma penso che non ci sia più. Manchester si è trasformata molto: prima era post-industriale, ma ora è diventata una bella città. Dal punto di vista sportivo, il City ha accorciato il divario dallo United ed è tornato a essere una grande squadra: non dimentichiamo che negli anni ’70 era molto forte. Dicono che in partite come questa l’esperienza può fare la differenza e che tutti i dettagli contano. Dopo il sorteggio, alcuni erano sollevati perché avevamo evitato due grandi squadre come il Barcellona e il Bayern. Ho invitato caldamente i giocatori a non ascoltarli. Chi ha detto così non capisce niente di calcio. Affrontiamo una squadra che ha grandi qualità, forse anche più di noi. Saranno due partite difficili e delicate”.

Qui Pellegrini “Sarà difficile ma possiamo farcela. Il Paris è un’ottima squadra, con un progetto simile a quello del Manchester City per certi versi, cercando di crescere di anno in anno. Entrambe le squadre possono passare il turno, non credo ci sia una favorita. Per noi era importante vincere per la prima volta il nostro girone in questa stagione, e poi ci siamo qualificati ai quarti per la prima volta. Vedremo ora cosa accadrà contro il Paris. Joe Hart si è allenato senza problemi nei giorni scorsi e ha effettuato un test oggi. Quando un giocatore torna da un infortunio è sempre un rischio, ma penso possa giocare”.