SHARE
I giocatori del Wolfsburg festeggiano dopo l'1-0 - Fonte Twitter @ChampionsLeague
I giocatori del Wolfsburg festeggiano dopo l'1-0 - Fonte Twitter @ChampionsLeague
I giocatori del Wolfsburg festeggiano dopo l’1-0 – Fonte Twitter @ChampionsLeague

Tra ieri e martedì è ritornata in grande stile la Champions League, con gli appuntamenti validi per le gare di andata dei quarti di finale della massima manifestazione calcistica continentale. Come spesso capita i pronostici della vigilia sono stati quasi tutti disattesi: vincono ma con fatica Bayern Monaco e Barcellona, mentre tra PSG e City viene fuori un bel 2-2 ed infine il Real Madrid crolla clamorosamente in Germania nella tana dei Lupi del Wolfsburg. Un secco 2-0 quello maturato alla Volkswagen Arena che ha messo a nudo nuovamente tutti i limiti di una squadra, quella di Zidane, che sembrava essere tornata in carreggiata dopo il 2-1 nel Clasico di sabato scorso, ma che in realtà al cospetto dei tedeschi hanno mostrato nuovamente tutte le debolezze che hanno caratterizzato una stagione fin qui molto deludente. Al Wolfsburg infatti sono bastate le reti di Ricardo Rodriguez e Arnold per abbattere un Real partito anche bene, ma spentosi quasi subito dopo il doppio vantaggio dei padroni di casa che hanno rischiato più volte anche di chiudere il discorso qualificazione. Tra le note più dolenti c’è sicuramente una difesa a tratti imbarazzante che ha visto Danilo e Marcelo surclassati in fascia e Ramos e Pepe spesso ingenui, fuori posizione e troppo superficiali. A commentare la brutta prova di ieri partendo proprio dalle lacune difensive, ci ha pensato un ex Real Madrid come Steve McManaman ai microfoni di ‘BT Sport’: “I difensori del Real ieri sembravano bambini di 10 o 12 anni. I due esterni erano in costante difficoltà, Ramos e Pepe sembrava che non avessero mai giocato insieme“.

DISFATTA – McManaman prosegue nella sua disamina criticando l’atteggiamento dell’intera squadra chiamata ora all’impresa nella gara di ritorno: “Dopo la vittoria nel Clasico mi aspettavo che sarebbe stata una partita dura. Mi aspettavo un calo, ma in occasione dei due goal sembravano senza un minimo di organizzazione in campo”.