SHARE
Silvio Berlusconi, Milan
Silvio Berlusconi, Milan
Silvio Berlusconi, Milan
Silvio Berlusconi, Milan

Poco più di 48 ore dall’ultimo incontro di Serie A e il terremoto in casa Milan ha già fatto la sua vittima illustre. E’ finito infatti, tra ieri e oggi, il connubio tra il numero uno rossonero Silvio Berlusconi e il tecnico ex Sampdoria Sinisa Mihajlovic. Sulla panchina del Diavolo si siederà Cristian Brocchi, divenuto il successore ideale del serbo dopo la cena/meeting dirigenziale tenutasi ieri sera nella villa dell’ex Premier ad Arcore; un pensiero ricorrente quello dell’esonero che è rimasto vago nella mente del Caimano per buona parte del campionato, possibilità che sembrava scongiurata a febbraio scorso, salvo tornare poi pesantemente alla ribalta nell’ultimo mese.

BERLUSCONI SALUTA Questo il messaggio del patron del Milan, Silvio Berlusconi, sul suo profilo ufficiale Facebook: “Ringrazio Sinisa Mihajlovic per il lavoro svolto, con il massimo impegno. Il Milan però può e deve fare di più. Dobbiamo concludere la stagione nel migliore dei modi, provare a vincere la Coppa Italia, e naturalmente rientrare in Europa. Brocchi è una scelta per preparare il futuro, un futuro nel quale il Milan deve tornare al gioco e a risultati all’altezza della sua storia. A fine stagione trarremo le somme e opereremo tutte le scelte necessarie a questo fine“.

Nel cifrato firmato Silvio Berlusconi il saluto a Sinisa Mihajlovic, e un invito alla comunione di forze tra i tifosi e la squadra. Importante, se non fondamentale, per la società strappare il piazzamento che vale il pass per l’Europa League, con la finale di Tim Cup – Coppa Italia 2015/16 che in tal senso potrebbe rivelarsi un jolly fondamentale. Finale di comunicato interamente dedicato alla scelta di Cristian Brocchi: l’ex centrocampista del Milan dovrà sudarsi la riconferma di qui fino al termine della stagione, dimostrando di poter essere l’uomo giusto per la panchina del Diavolo.

Stefano Mastini

SHARE