SHARE
Simone Missiroli, Sassuolo - Fonte Twitter account ufficiale Simone Missiroli
Simone Missiroli, Sassuolo - Fonte Twitter account ufficiale Simone Missiroli
Simone Missiroli, Sassuolo - Fonte Twitter account ufficiale Simone Missiroli
Simone Missiroli, Sassuolo – Fonte Twitter account ufficiale Simone Missiroli

Un solo punto distanzia il Milan dal Sassuolo. I neroverdi hanno sprecato la chance di sopravanzare i lombardi nell’ultima gara persa in casa contro il Genoa, uno stop amaro, arrivato seppur a fronte di una buona prestazione di squadra. Proprio da questa sensazione riparte Simone Missiroli, capitano e anima del Sassuolo di Di Francesco, il centrocampista neroverde non è potuto scendere in campo a causa dell’infortunio muscolare alla coscia rimediato al San Paolo di Napoli.

MISSIROLI DI CORSA Queste le parole del capitano del Sassuolo Simone Missiroli, al momento out per infortunio, intervenuto ad un evento dei neroverdi: “Se mi sto riprendendo dall’infortunio? Sto recuperando piano piano, giorno dopo giorno, dovrei tornare disponibile tra una decina di giorni. Se penso all’Europa? Siamo lì, a ridosso delle migliori, dobbiamo giocarcela fino in fondo, peccato per aver perso l’ultima in casa contro il Genoa. Ma non dobbiamo commettere l’errore di perderci d’animo, ci è mancato solo il risultato. Già dalla prossima domenica a Firenze dobbiamo provare a riprendere il Milan, che ha cambiato l’allenatore. Che partita sarà la prossima contro la Fiorentina? Sarà una gara difficile: loro hanno avuto un calo nell’ultimo periodo, dopo aver spinto molto nel girone di andata facendo vedere un ottimo calcio a tutti. Ora hanno qualche difficoltà è vero, ma sappiamo che hanno grandi giocatori. Sarà una gara complicata”.

Il calabrese classe 1986, al netto del momentaneo stop, sta vivendo una stagione da protagonista assoluto al centro dello schieramento voluto dal mister di Pescara, il potente mediano è la pietra angolare della mediana neroverde: Missiroli è capace di saper mettere a disposizione dei suoi compagni di squadra quantità e qualità sopra la media, il tutto senza prescindere la costanza di rendimento.

Stefano Mastini

SHARE