FIGC, dal 2017 in Italia ci sarà la moviola in campo

FIGC, dal 2017 in Italia ci sarà la moviola in campo

 

figc

La goal-line technology ha portato i maggiori campionati europei ad adeguarsi alle tecnologie che finalmente permettono agli arbitri di poter dirigere un match venendo assistiti nel modo più rapido ed efficiente possibile. Finalmente infatti niente più situazioni di “gol fantasma” in questa stagione, con il famoso gol di Muntari ormai dimenticato, anche se molte polemiche riguardo gli arbitraggi restano. A risolvere questa situazione giunge quindi in soccorso il sistema VAR (Video Assistant Referees).

Conosciuto in italia come “moviola in campo”, l’assistente tecnologico porterà probabilmente la più importante rivoluzione nello sport dai tempi della televisione. L’analisi di qualsiasi situazione dubbia e non solo potrà quindi esser effettuata dai direttori di gara nel minor tempo possibile, evitando di interrompere il ritmo del match. Fra le federazioni selezionate c’è anche la FIGC come deciso nell’assemblea annuale dell’IFAB (International Football Association Board) del 5 marzo scorso. In seguito, durante una riunione a Londra venerdì 8 aprile, si è affrontata la questione della modifica dei regolamenti di gioco per poter implementare le nuove misure ed è stato chiesto ad ogni federazione il consenso a testare il tutto. Seguendo la linea espressa anche negli anni passati l’Italia ha sposato entusiasta il progetto.

Tavecchio ha quindi indetto una riunione informativa il 21 aprile prossimo riguardo l’argomento con la Lega di Serie A, di Serie B e l’AIA, in modo da poter iniziare fin dalla prossima stagione il test del sistema VAR. Per la prossima riunione di maggio si spera quindi di poter formalizzare, anche dal punto di vista tecnico e operativo, l’adesione alla sperimentazione dell’ IFAB col sostengo della FIFA. L’implementazione della moviola in campo si dividerà però in due fasi distinte: “offline” nella stagione 2016/2017 e “live” (pienamente in funzione ed usufruibile) nel 2017/2018. Tavecchio ha poi commentato nella giornata odierna lo storico passo avanti della FIGC: ““Siamo stati tra i primi sostenitori dell’utilizzo della tecnologia in campo e riteniamo di avere tutti i requisiti per offrire il nostro contributo a questa importante sperimentazione. Nel rispetto della fluidità del gioco e della centralità dell’arbitro, anche nel calcio l’innovazione migliorerà tutto il sistema, come ha già dimostrato la positiva adozione della Goal line technology”.