Arezzo: esonerato Capuano, il mister delle follie

Arezzo: esonerato Capuano, il mister delle follie

eziolino_capuano_calcio_arezzo

L’Arezzo ha esonerato Ezio Capuano. L’allenatore campano non è più il tecnico della squadra amaranto dopo il netto ko interno di ieri contro la Pistoiese per 0-3. Si è trattato della terza sconfitta consecutiva per l’Arezzo che però si trova in una posizione relativamente tranquilla di classifica. A fare notizia non è l’esonero di per sé ma il nome del tecnico esonerato.

Capuano, infatti era diventato famosissimo su internet a causa di tantissimi suoi aneddoti, che spaziano da show di vario genere fino ad offese più o meno pesanti. E’ diventato forse, l’allenatore più conosciuto della Lega Pro e un autentico idolo del web. La situazione che lo ha reso famoso è stata quella avvenuto subito dopo una sconfitta in un’amichevole contro una squadra di Eccellenza. Capuano si è scatenato negli spogliatoi con i suoi giocatori: “Io ste figure di m… nella mia vita non ne ho mai fatte, siete una banda di pezzi di m… Siete delle m… umane“. Parole pesantissime che però non sono rimaste nella sacralità dello spogliatoio poiché uno dei giocatori, Nicolò Sperotto stava registrando tutto con il suo smartphone. Capuano va su tutte le furie e chiede la testa del suo giocatore, che prima viene messo fuori rosa e poi rescinde il contratto. Ma già nella passata stagione si era reso protagonista di siparietti, come quando perse contro l’Alessandria e disse senza problemi: “In campo devono andare degli uomini e non delle checche”. Parole che scatenarono fiumi di polemiche e portarono a multe salate sia per lui che per il club. Molto spesso le sue conferenze stampa si sono trasformati in autentici show e altre volte sono state condite da litigi con giornalisti anche piuttosto accesi dal punto di vista verbale. Molto spesso Capuano è stato ospite in trasmissioni tv locali e regionali dove si è reso protagonista di diverse litigate in dialetto campano che spopolano sul web. Forse l’esonero è anche ingiusto, considerando il campionato senza troppi patemi dell’Arezzo ma c’è da scommettere che per Capuano ci sarà un futuro nel mondo della TV, probabilmente come opinionista e sicuramente non avrebbe peli sulla lingua nel commentare.