SHARE

parma

La scorsa stagione fra l’incredulità di tutti e le lacrime dei tifosi il Parma era fallito ed era stato retrocesso direttamente in Serie D. Un colpo durissimo per la città e per la Serie A, privatasi di una formazione storica e con un importante seguito. Molti calciatori ovviamente si sono svincolati, come ad esempio Biabiany, preferendo continuare la loro carriera altrove. Ma uomini come il capitano Lucarelli e Raffaele Palladino sono rimasti per dare tutto l’aiuto possibile per tornare subito nei campionati che contano. E proprio con la vittoria di oggi, ottenuta contro il Delta Rovigo i gialloblù hanno conquistato la promozione diretta in Lega Pro coronando una stagione da record. Guazzo e Corapi (su rigore) hanno infatti regalato il decisivo 2 a 1 alla propria squadra.

La formazione emiliana si è preparata al campionato di Serie D costruendo una squadra solida e sicuramente superiore a tutte le avversarie. Non a caso la prima posizione è stata conquistata con ben 11 punti di vantaggio rispetto all’inseguitrice Altovicentino. Ma la formazione allenata da Luigi Apolloni è stata capace di mettere a segno ben 25 vittorie e 10 pareggi in 35 gare, senza quindi mai perdere nel Girone D della propria categoria. Nonostante non sia il miglior attacco, con l’Altovicentino a 75 reti, i gialloblù con ben 73 reti fatte e solo 15 subite confermano di avere la miglior differenza gol.

Tra i migliori giocatori di questa triste ma infine felice stagione del Parma c’è sicuramente la punta Baraye, capace di segnare ben 20 marcature, supportato poi dalle 10 rispettivamente dei compagni Corapi e Melandri. Nonostante non si parli di una promozione in Serie A tifoseria e società si preparano lo stesso a festeggiare a dovere un gran campionato vinto senza problemi. Il prossimo anno finalmente si rivedrà la squadra emiliana in un campionato professionistico e guardando la rosa attuale in Lega Pro le grandi dovranno aver paura di una nobile decaduta pronta a riaffacciarsi su grandi palcoscenici.

 

 

SHARE