Juventus, prosegue il calvario di Chiellini: campionato finito

Juventus, prosegue il calvario di Chiellini: campionato finito

chiellini-juventus

La stagione in corso si può definire come la peggiore della carriera per Giorgio Chiellini. Il difensore toscano è stato vittima di continui problemi fisici che gli hanno impedito di scendere in campo con continuità, come dimostrano le sole 22 presenze totalizzate in questa stagione.

Chiellini è stato vittima di un nuovo problema muscolare ai legamenti, come conferma lo stesso club bianconero con una nota ufficiale sul proprio sito: “Giorgio Chiellini, dopo il trauma distorsivo riportato durante l’allenamento di ieri, oggi è stato sottoposto a risonanza magnetica. Gli accertamenti hanno evidenziato una lesione di grado lieve del legamento collaterale mediale del ginocchio destro. I tempi di recupero per la ripresa agonistica sono di 15/20 giorni“. Per il numero tre bianconero, il campionato è dunque terminato in anticipo, ma ci sono speranze che possa tornare a disposizione per la finale di Coppa Italia, che è fissata per il 21 maggio all’Olimpico di Roma contro il Milan. In realtà, non è sicuro che Chiellini sarà effettivamente disponibile anche per il rischio di possibili ricadute che hanno già condizionato la stagione in corso. Il condizionale è dunque d’obbligo, soprattutto a causa del fatto che si parla di un infortunio ai legamenti, una zona molto delicata.

Ma la Juventus non è la sola a restare in ansia, dato che le condizioni di Chiellini preoccupano anche la nazionale e Antonio Conte, che spera di avere a disposizione uno dei suoi fedelissimi in occasioni degli Europei in Francia per poterlo piazzare al centro della difesa. Tuttavia, anche da questo punto di vista bisognerà prestare la massima attenzione e cautela, poiché Chiellini ha disputato appena tre partite dal 27 gennaio ad oggi, restando in campo per soli 167 minuti. La stagione è stata molto sfortunata e ha visto susseguirsi un infortunio al polpaccio, un sovraccarico e poi un problema anche gli adduttori. Adesso è sopraggiunto anche questo problema ai legamenti che rischia di condizionare il futuro della nazionale, più che di quello della Juventus che ha già trovato in Rugani un valido sostituto.