Frosinone-Palermo 0-2 in numeri: Gilardino guida i rosanero

Frosinone-Palermo 0-2 in numeri: Gilardino guida i rosanero

gilardino
Foto: twitter Palermo official

Nel “lunch match” della 35/a giornata di serie A, è andato in scena Frosinone-Palermo, un autentico scontro salvezza tra due squadre in zona retrocessione. Il successo è andato ai rosanero grazie ai gol di Gilardino e Trajkovski, che così facendo agganciano il Carpi e tornano a sperare nella salvezza. Viceversa, per i ciociari si tratta di una sconfitta che sa molto di condanna al ritorno in B.

Frosinone-Palermo, i numeri del match

Frosinone-Palermo è una partita equilibrata e molto bloccata, specialmente nel primo tempo. Il possesso palla ne è lo specchio fedele con una situazione di assoluta parità: 50-50. Nel numero dei tiri è la formazione di casa a produrre il maggior sforzo con 12 conclusioni contro le sole cinque dei siciliani. Gli ospiti, ieri,  sono stati davvero dei cecchini perché solamente due delle loro conclusioni hanno centrato lo specchio della porta e si tratta di quelle coincidenti con i goal che hanno deciso il match. Viceversa, il Frosinone ha sbattuto contro il solito Sorrentino e non è riuscito a segnare nonostante i cinque tiri in porta. Il problema dei laziali è stata la poca concretezza, con appena due occasioni da gol create, tutto l’opposto dei rosanero che hanno mostrato di essere molto cinici.

Passando ai singoli, è Alberto Gilardino l‘mpv della gara. In realtà, l’ex attaccante del Milan si è messo in mostra in una sola circostanza, che coincide con il gol del vantaggio rosanero, per questo va premiata la sua freddezza. Nei gialloazzurri, il migliore è stato il bomber Daniel Ciofani, che ha provato a dare tutto sé stesso per la sua maglia, ma non è riuscito ad evitare questo bruciante ko. In generale, solo il tedesco Kragl ha centrato per due volte la porta ed è stato uno dei più pericolosi dei padroni di casa. Molto mobile Paganini, che è l’unico capace di costruire due occasioni da gol, oltre ai due giocatori del Palermo che poi il gol l’hanno effettivamente realizzato. Tanti palloni recuperati dal Frosinone, che conferma il suo spirito battagliero: in questo si mette in evidenza il “cobra” Gori, che si rende protagonista di ben otto recuperi. Soddimo è bravo a recuperare per cinque volte il possesso palla, ma è frettoloso ed è il primatista negativo per palloni persi con otto. Troppi falli per Rosi, che ne ha commessi ben cinque, uno dei quali gli è costato il cartellino giallo. Riguardo alla corsa prevale Paganini con 10,7 km di fronte a Hiljemark e al compagno Kragl.