Tacchetti in fuga: Giovinco on fire. Grifo e Fontanella in goal

Tacchetti in fuga: Giovinco on fire. Grifo e Fontanella in goal

giovinco 2016

Solo una decina d’anni fa sembrava difficile per i giocatori italiani lasciare la Serie A e il campionato più importante al mondo, ma il tempo ha mutato tante cose. Il nostro campionato è andato via via perdendo di qualità e ricchezza economica favorendo l’emigrazione dei talenti nostrani verso nuovi lidi, più importanti o con possibilità di maggiori guadagni rispetto a Serie A, Serie B e Lega Pro. Il fenomeno negli ultimi anni si è esteso a macchia d’olio, creando delle vere e proprie colonie di calciatori italiani all’estero.

Ecco l’andamento settimanale dei connazionali più famosi:

PELLE’ – L’ex AZ rimane vittima delle rotazioni di Koeman che contro un già retrocesso Aston Villa preferisce preservare l’attaccante italiano lasciandolo in panchina per tutto l’arco del match.

DARMIAN – In settimana Darmian piazza la sua prima zampata vincente con la casacca dello United per poi accomodarsi mestamente in panchina per tutti i novanta minuti della semifinale di FA Cup vinta dai Red Devils per 2-1 in pieno recupero.

VERRATTI E SIRIGU – Per il PSG di Verratti e Sirigu è invece il momento di alzare al cielo il secondo trofeo stagionale: finale di coupe de la Ligue vinta di misura contro il Lille con il portiere ex Palermo titolare e tra i protagonisti con i suoi interventi. Nel finale di gara per la gestione del risultato fa il suo ingresso in campo anche il centrocampista ex Pescara che ritorna sul terreno di gioco a circa due mesi dall’ultima volta soprattutto per la gioia di Conte in chiave nazionale.

RAGGI – Il Monaco di Andrea Raggi è severamente impegnato nella lotta per un posto Champions: domenica sera però non va oltre un pari per 1-1 in casa del Rennes. Per il difensore ex Bologna ed Empoli 72 minuti da titolare sull’out di sinistra.

DONATI – Terza gara di fila senza successi Giulio Donati e il suo Mainz che questa volta va al tappeto in casa di un Eintracht in piena lotta salvezza. Prova sicuramente sottotono per il terzino scuola Inter che da titolare gioca nuovamente sulla corsia mancina di difesa raccogliendo però solamente un cartellino giallo al tramonto del primo tempo.

CALDIROLA – Va ancora peggio all’altro italiano di Bundes: Luca Caldirola. L’ex Werder Brema infatti gioca come sempre 90 minuti nella retroguardia di un Darmstadt che nell’occasione si fa travolgere per 4-1 dal Colonia. Prestazione da dimenticare in fretta per Caldirola che schierato nuovamente nel suo ruolo di centrale difensivo incassa insieme ai compagni di reparto ben 4 reti al passivo.

CRISCITO – Continua sui binari dell’anonimato una stagione decisamente in chiaro scuro per Domenico Criscito che ancora una volta parte dalla panchina subentrando solamente ad una decina di minuti dalla fine a risultato ormai già ampiamente deciso nella disastrosa trasferta dello Zenit sul campo della capolista Rostov.

OKAKA – Dopo il pareggio dello scorso weekend arriva anche il primo KO per l’Anderlecht nei playoff di Jupiler League. Un 4-2 netto e perentorio sul campo dell’Oostende che ha visto uno Stefano Okaka in campo per tutto il match ma comunque ancora all’asciutto. Poche occasioni e terza gara di fila a secco per lui.

PALOSCHI – Lo Swansea dell’accoppiata italiana Paloschi-Guidolin fa da perfetto sparring partner per la corsa al titolo del Leicester di Ranieri: poker impressionante delle Foxes nonostante l’assenza di Vardy. Guidolin concede tutta la ripresa ad un Paloschi che non riesce ad incidere sull’andamento della gara ottenendo per giunta poche palle realmente giocabili e rimanendo così ancora una volta inevitabilmente all’asciutto.

AQUILANI E SCHELOTTO – Prosegue gara dopo gara il testa a testa per la vittoria del campionato portoghese tra Sporting Lisbona e Benfica. I biancoverdi vincono ancora battendo 2-0 l’Uniao Madeira, con l’ex atalantino Schelotto ancora una volta tra i protagonisti in campo con altri novanta minuti messi a referto. Al contrario rimane solo a guardare dalla panchina Alberto Aquilani.

OGBONNA – Weekend di riposo per il West Ham del centrale ex Toro e Juve a causa dell’impegno del Manchester United in FA Cup. Gara da recuperare il 10 maggio.

ROSSI – Le residue speranze salvezza del Levante rimangono attaccate al mancino dell’ex Fiorentina che questa volta tradisce le aspettative steccando nel match interno pareggiato per 2-2 contro l’Athletic Bilbao. Rossi rimane a secco ed in campo per tutta la partita. Tre gare ancora per sperare nella salvezza prima del ritorno in Italia.

ANDREOLLI – Out per infortunio.

BORINI E MANNONE – Ottimo pareggio interno in chiave salvezza per il Sunderland che in casa blocca sullo 0-0 l’Arsenal. Titolare e sempre pronto quando chiamato in causa l’ex della partita Vito Mannone, mentre Borini corre, lotta e rimane in campo per circa settanta minuti, collezionando anche un’ammonizione prima di lasciare il terreno di gioco nel finale a Watmore.

GIOVINCO – Sebastian Giovinco è ufficialmente tornato. La Formica Atomica ha nettamente ripreso a giocare e soprattutto segnare sugli standard della passata annata di MLS. Il Toronto di Giovinco infatti colleziona la seconda vittoria di fila battendo nel derby canadese il Montreal di Drogba con un secco 2-0 firmato ovviamente dal fantasista italiano che prima su rigore e poi con il mancino risulta decisivo piazzando il suo quarto centro nelle ultime tre gare, tutte con almeno una rete all’attivo sul tabellino. Il bottino dell’ex juventino sale così a sei reti nelle prime sette gare di MLS.

ALTRI – Diamo un rapido sguardo anche ad altri azzurri in giro per il mondo: partiamo dal trio del Leeds Antenucci, Silvestri e Bellusci che pareggia per 2-2 in casa dell’Hull. In campo solamente Silvestri che incassa due reti. Restiamo in Championship dove Forestieri così come i colleghi del Leeds pareggia in trasferta sul campo del Derby disputando 86 minuti prima di lasciare il campo a differenza di Macheda che rimane in panchina per tutta la vittoriosa gara del Nottingham, mentre l’ex Udinese Diego Fabbrini gioca dal 1′ sul campo dell’Huddersfield nel pari esterno del Birmingham. Out Angella nel QPR. In Francia Battocchio gioca 90 minuti nello scialbo 0-0 del suo Brest, mentre Luca Miracoli col Tours e Paolo De Ceglie con l’OM saltano i rispettivi incontri. In Liga Daniele Bonera ritorna in panchina dopo la prova da titolare in infrasettimanale sul campo del Real, mentre Biraghi sarà di scena questa sera col Granada e Rennella entra ma non incide nella sconfitta del Valladolid. L’ex milanista Salvatore Bocchetti gioca da titolare nel pari casalingo dello Spartak timbrando il cartellino per il momentaneo 1-1 nella ripresa prima di guadagnarsi anche un cartellino giallo. In Germania dopo un lungo calvario arriva l’esordio per il centrale ex Empoli ora in forza allo Stoccarda, Federico Barba che naufraga con i compagni nel KO contro il BVB, mentre al contrario Vincenzo Grifo è sempre più protagonista della splendida stagione del Friburgo che nell’anticipo di giornata liquida il Duisburg proprio con la rete di apertura dell’esterno italiano. Out Pirlo con il New York City. Chiudiamo infine con la solita doppietta made in Malta di Mario Fontanella decisivo per il suo Floriana ed ora a quota 19 in campionato.