Vampeta e l’amico Ronaldo, tra donne e trans

Vampeta e l’amico Ronaldo, tra donne e trans

????????????????????????????????????????????????????????????????

Vampeta è ricordato da molti come uno dei più grandi “bidoni” mai sbarcati in Serie A, un colpo di mercato rinfacciato per anni al presidente Massimo Moratti. Oggi il brasiliano fa il dirigente e, intervistato dalla Gazzetta dello Sport, ha spiegato i perchè del suo fallimento con la maglia dell’Inter. Spazio anche ai ricordi delle notti brave con l’amico Ronaldo, ma anche ai programmi futuri del suo Audax.

L’ESPERIENZA ALL’INTER – “Dopo un allenamento Tardelli, l’allenatore all’epoca appena arrivato, mi disse che non mi conosceva proprio. Io gli risposi che neanche io lo conoscevo e me ne andai. Rimasi 7­8 mesi all’Inter. A chiedere il mio acquisto era stato Lippi, che se ne andò dopo il primo k.o., non Tardelli. Con lui ero demotivato. Avevo delle altre chance in Italia, come Fiorentina e Roma. Sarei potuto andare in Spagna ma finii al Psg. Poi tornai in Brasile per giocare di nuovo al Corinthians e vincere il Mondiale con la Seleção nel 2002. Entrai con la Turchia al debutto della nazionale in quella coppa. Allora ricordo tantissimi stranieri all’Inter: Zanetti, Zamorano, Recoba, Cordoba, Frey… Gli italiani invece erano pochi: Pirlo, Vieri, Di Biagio. Diventai amico di Robbie Keane, l’irlandese. Io non parlavo né l’inglese, né l’italiano. Ci capivamo a gesti, scambiando qualche parola».

L’AMICO RONALDO – “Ronaldo? Era infortunato , perse tutta la stagione. Rimase molto tempo in Brasile per recuperare. Però avevamo giocato insieme al Psv nel ’94­95. Una volta andai a casa sua, in un condominio dove abitavano pure Dida, Roque Junior e altri. Ero già sbronzo quando andai a pigliare una bottiglia di vino dalla sua cantina. E me la scolai. Ma era il vino regalatogli da papa Giovanni Paolo II in una visita in Vaticano… Ronaldo si incazzò, voleva che gliela pagassi. Ma il vino sapeva d’aceto. La storia dei trans? Sì, Ronaldo mi invitò a cena in un ristorante. Era con 5 donne. Quando li incontrai avevo già bevuto 3­4 caipirinhas e gli chiesi: ‘Chi sono le donne e chi sono i trans? Io voglio stare solo accanto alle donne’. Le ragazze se la risero di gusto. Ronie un po’ meno, ma scherzavo”. Le foto per una rivista gay? Sì, ma non sono mai stato gay. Però ho una sorella lesbica e ovviamente la rispetto come tutti gli omosessuali”.

CARRIERA DA DIRIGENTE – “Come ho iniziato? Sono amico della famiglia Teixeira, proprietaria dell’Audax. Sono stato anche presidente dell’Audax di Rio. Tutti i presidenti di club dovrebbero essere remunerati. Allenatore? Sono stato allenatore della Under 20 del Corinthians e del Nacional di San Paolo. Ma mi sono presto reso conto che non volevo fare il tecnico. Per chi ho tifato tra Audax e Corinthians? Per l’Audax quando l’Audax era in attacco e per il Corinthians quando attaccava il Timao… L’unico a non aver perso la partita prima del match sono stato io. Obiettivi? Con il buon campionato paulista disputato siamo riusciti a qualificarci alla Serie D nazionale. Siamo già nella massima divisione di San Paolo e a livello nazionale intendiamo salire ogni stagione. Quando nel Brasileirão? Soltanto Dio lo sa. Ma la nostra squadra gioca in modo simile ai professionisti fin dalle categorie giovanili. Il 70 per cento dei giocatori sono con noi da tanto tempo. Giochiamo in un stadio da 15 mila spettatori grazie a una concessione del municipio. Abbiamo pure un buon centro di allenamento. E un tecnico, Fernando Diniz, 42 anni, di cui sentirete presto parlare ad alto livello. Allora proviamo a continuare così, a vincere e poi si vedrà”.