Leicester, Ranieri: “Siamo in Champions, manca poco al grande sogno!”

Leicester, Ranieri: “Siamo in Champions, manca poco al grande sogno!”

ranieri-leicester-premierleague

Da mesi ormai non si parla d’altro, e settimana dopo settimana la favola del Leicester si trasforma sempre più in una realtà. Con il pareggio rimediato dal Tottenham in casa contro il West Bromwich Albion le Foxes si trovano ora a 7 punti di vantaggio sui londinesi. Così la favola inglese potrebbe finalmente giungere ad un lieto fine con una vittoria che sarebbe storica all’Old Trafford: domenica 1 maggio infatti sarà la volta di Manchester United-Leicester alle ore 15, e in caso di tre punti per gli ospiti potranno partire i festeggiamenti per un titolo storico. L’uomo del momento è ovviamente il tecnico italiano Claudio Ranieri, ormai un’icona in Inghilterra e nel resto d’Europa, che ai microfoni di Radio105 ha però voluto placare come al solito gli animi: “Parlare adesso che tutto ancora è in ebollizione è difficile.”

L’allenatore ha poi continuato commentando la fantastica scalata della sua piccola, ma grande squadra: “Le chiavi di lettura di quello che è successo sono tantissime. Avere un’ottima società, buoni giocatori e un campionato particolare perché le grandi non hanno fatto della continuità la loro forza, cosa che invece abbiamo fatto noi. E poi il feeling, la chimica che si è instaurata tra me e i giocatori.” Non a caso pedine come Vardy, Kanté e Mahrez si sono trasformate, sotto la guida di “Sir” Claudio, in autentici fenomeni, tanto che l’esterno algerino è stato premiato come miglior giocatore della Premier League, mentre per la punta inglese è arrivato uno speciale riconoscimento per il suo record di reti consecutive in campionato. Ma uno dei principali artefici di questo successo “ancora incompiuto” è anche il patron del Leicester: “Già dall’inizio il Presidente chiedeva di costruire una squadra che nei prossimi anni avrebbe dovuto competere per cercare di entrare in Europa, poi in Champions League. Questa è stata un’annata particolare: ora siamo in Champions League, manca poco al grande sogno. Dobbiamo rimanere con i piedi per terra e vediamo cosa riusciamo a fare”.

Infine Ranieri ha tempo anche per elogiare la Juventus, che lo ha visto allenare sulla panchina bianconera nel 2007, e che ora festeggia il quinto scudetto consecutivo: “E’ stato un campionato molto interessante, molto combattuto. Complimenti alla Juventus che ha fatto una stagione magnifica, una grossa rimonta dove erano pochi a crederci se non la società, l’allenatore e i giocatori. Complimenti a loro, ma complimenti anche a Roma e Napoli che con Sarri sta facendo un ottimo lavoro”.