Stirpe: “Agirò contro Zamparini per vie legali, il ricavato in beneficenza”

Stirpe: “Agirò contro Zamparini per vie legali, il ricavato in beneficenza”

Frosinone Calcio's Daniel Ciofani (2L) celebrates with teammates, after scoring the 1-0 gol, during Italian Serie A soccer match, Frosinone Calcio vs Carpi FC, at the Matusa stadium in Frosinone, Italy, 28 October 2015. ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI
Frosinone Calcio’s Daniel Ciofani (2L) celebrates with teammates, after scoring the 1-0 gol, during Italian Serie A soccer match, Frosinone Calcio vs Carpi FC, at the Matusa stadium in Frosinone, Italy, 28 October 2015. ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI

Si fa sempre più intensa e accesa la lotta per non retrocedere, protagoniste Frosinone, Carpi e Palermo. Mattatore quel Maurizio Zamparini che non le manda certo a dire. E’ di ieri il duro comunicato apparso sul sito ufficiale del club rosanero, con il quale il presidente ha voluto porre l’attenzione sull’arbitraggio, da lui poco gradito, in Carpi-Empoli: “La lotta per non retrocedere è stata condizionata ieri in occasione della partita Carpi-Empoli, diretta dall’arbitro Paolo Valeri”, questo il riassunto del comunicato. Sfogo che segue, in ordine di tempo, le altre due polemiche, con Verona e Frosinone nel mirino, ed uno sfogo a GR Parlamento nella trasmissione La politica nel calcio, dove Zamparini puntò il dito contro l’atteggiamento dei giocatori scaligeri sul gol decisivo dell’1-2 siglato da Frara: “Sul gol del Frosinone i giocatori del Verona si sono girati dall’altra parte. Vuol dire che dubito sulla buona fede dell’Hellas Verona? Ho già detto tutto. Voi guardatevi la partita. Il presidente Stirpe si può anche offendere, ma io dico che se esiste la prova tv, che venga usata in questo caso. L’Hellas Verona si è quasi fatta da parte”.

E Maurizio Stirpe si sarà davvero offeso, ascoltando le sue ultime dichiarazioni, arrivate diversi giorni dopo il comunicato della società proprio in risposta alle illazioni del presidente del Palermo. Ai microfoni de La Ciociaria Oggi sono arrivate le parole del presidente del Frosinone, che ha deciso di far causa a Maurizio Zamparini proprio per quelle sue uscite pubbliche in riferimento alla gara tra Frosinone e Verona: “Ognuno ha il suo stile. Lo stile del presidente del Palermo lo rispetto. Rispetto il modo di agire del Palermo, ma di certo non lo condivido. Zamparini per dire la sua si serve della stampa, alla luce delle illazioni del patron nel dopo Verona-Frosinone mi sono esclusivamente rivolto alla Lega di Serie A chiedendo la sospensione della clausola compromissoria in modo da poter adire le vie legali nei confronti di Zamparini. Il ricavato verrà destinato in beneficenza. E qui chiudo questo triste capitolo”.