Capello: “Simeone umile e intelligente come Castori”

Capello: “Simeone umile e intelligente come Castori”

rp_capello.jpg

In questi giorni l’entusiasmo per il “Cholo” Simeone è alle stelle, e persino un allenatore che ha vinto tutto come Fabio Capello, non nasconde la propria ammirazione per l’attuale tecnico dell’Atletico Madrid e per la sua splendida squadra tramite un’intervista alla “Gazzetta dello Sport”.

Don Fabio elenca le tre caratteristiche che più apprezza nel tecnico argentino: “Determinazione, sacrificio e umiltà. Sono degli elementi essenziali per il calcio, perché in questo sport bisogna correre e lottare tutti insieme per lottare per un unico obiettivo, che è il risultato. Capello spiega perché tecnici affermati e vincenti come Luis Enrique, Guardiola, Ancelotti si siano dovuti arrendere al cholismo: “Simeone è molto bravo a studiare gli avversari, studiare bene chi hai di fronte è sinonimo di umiltà, come già detto prima, ma anche di intelligenza, perché dimostra che è in grado di variare gioco in base a chi si trova di fronte”. L’ex allenatore di Juve e Milan fra le altre, apprezza molto il fatto che i giocatori dell’Atletico siano stati plasmati da Simeone in modo tale da dare il 100% con una capacità di trasmettere le sue idee che non si ritrova in tutti gli allenatori. Capello è davvero un grande estimatore di Simeone e dell’Atletico Madrid, tanto che respinge le critiche da parte chi parla di gioco brutto e limitato e lo fa con spiegazioni tattiche da grande allenatore: “E’ uno scherzo dire che il gioco dell’Atletico è brutto, c’è un lavoro pazzesco dietro tutto quello che fanno, dalla preparazione per i tiri da fermo fino alle strategie per il recupero palle per arrivare alle verticalizzazioni.

Capello allora confronta Simeone con il suo avversario in semifinale di Champions League, Guardiola che ultimamente sembra un pò in difficoltà, ma il tecnico friulano respinge le critiche: “La fine del guardiolismo è lontana, ora andrà al Manchester City dove troverà un club disposto a spendere senza problemi e a comprare i giocatori che lui richiederà. Certo, qualche crepa nel reparto difensivo si intravede, è innegabile”. Capello interviene con un pronostico sulle semifinali di ritorno: “Il Bayern ha le carte in regola per passare con Muller dall’inizio, ma l’Atletico non muore mai e potrà passare il turno; mentre il Real dovrà sudare con il City per andare in finale”.

Passando ad altri tecnici, non poteva mancare una parola su Claudio Ranieri, che è vicino al compimento del miracolo a Leicester: “Ranieri è immenso, ha trasmesso una fame di vincere pazzesca alla sua squadra, e per lui questo traguardo sarebbe fantastico e premierebbe la sua umiltà”.

Infine, alla domanda su chi è il Simeone italiano, la risposta potrebbe lasciare a bocca aperta più di uno: “Non esiste un vero Simeone italiano, ma se dovessi fare un nome, direi Castori che è a Carpi ha lavorato bene e sta salvando la squadra con la stessa rosa della serie A”.