Juventus-Carpi, le probabili formazioni: Lasagna in panchina

Juventus-Carpi, le probabili formazioni: Lasagna in panchina

Fiorentina-Juventus - Fonte Account Twitter ufficiale Juventus
Fiorentina-Juventus – Fonte Account Twitter ufficiale Juventus

Le probabili formazioni di Juventus-Carpi

Juventus  (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Rugani, Lichtsteiner, Khedira, Lemina, Pogba, A. Sandro, Mandzukic, Dybala. Allenatore: Allegri.

 

Carpi (3-5-1-1): Belec, Poli, S. Romagnoli, Gagliolo, Pasciuti, Crimi, Cofie, De Guzman, Letizia, Di Gaudio, Mbakogu. Allenatore: Castori.

Gianluigi Buffon a Sky Sport durante i festeggiamenti del quinto scudetto consecutivo: “Lo abbiamo conquistato con valori che vanno oltre la tecnica. Mi auguro che possa diventare ordinaria amministrazione. Questo è uno scudetto epocale, per l’importanza, visto che è il quinto consecutivo, e per come lo abbiamo vinto, con una rimonta secondo me incredibile, impressionante, che mi auguro non si sia fermata alla vittoria di Firenze, ma prosegua anche in queste ultime tre gare, per suggellare una stagione irripetibile. Ci sono stati dei momenti, soprattutto iniziali, nei quali la paura di non farcela e di aver pensato anche troppo positivo in precedenza poteva averci tratto in errore invece con la forza di un gruppo di lavoro stupendo e responsabile e di una società forte, che nei momenti opportuni ci ha spalleggiato o ‘frustato’, siamo arrivati a compiere un’impresa veramente difficile”.

Fabrizio Castori dopo la vittoria sull’Empoli: “È stata una partita vera e dura. L’Empoli ha dimostrato di essere forte ed ostico. All’inizio abbiamo sofferto e ci siamo innervositi per non aver sbloccato il risultato. I toscano sono ostici e possono giocare senza la pressione del risultato, alla fine però è arrivato il gol di Lasagna che ci mette in buona posizione in vista delle tre partite conclusive. C’è un vantaggio di tre punti che va mantenuto. Noi giocheremo la prossima con la Juve in un match sulla carta proibitivo, il Palermo dovrà andare a Firenze e giocherà l’ultima con il Verona. Per noi il calendario è difficile, ma questi tre punti di vantaggio possono compensare questa difficoltà. Ero entrato in campo per capire le condizione del mio giocatore dopo la gomitata, senza protestare o avere comportamenti indisciplinari, e sono stato giustamente espulso”.