Klopp non ci sta: “Partita alle 12? A quell’ora di solito sono affamato”

Klopp non ci sta: “Partita alle 12? A quell’ora di solito sono affamato”

Jurgen Klopp - Fonte profilo Twitter ufficiale Liverpool
Jurgen Klopp – Fonte profilo Twitter ufficiale Liverpool

In settimana la tre giorni di coppe europee ha portato la prima delusione in casa Liverpool. La compagine in maglia rossa allenata da Jurgen Klopp, che ai quarti di Europa League al termine di una doppia sfida al cardiopalma aveva eliminato proprio il Borussia Dortmund, ex squadra del mago di Stoccarda, si è ritrovata al tappeto, battuta giovedì sera nella semifinale di andata del Madrigal contro il Villareal. Una rete allo scadere di Adrian Lopez ha rispedito il Liverpool a casa con la coda tra le gambe e una gara di ritorno da vincere necessariamente per accedere all’ultimo atto della competizione. La seconda sfida contro gli spagnoli si disputerà già il prossimo giovedì ma nel mezzo ecco che per il Liverpool si presenta anche l’ostacolo campionato. Sulla strada dei ragazzi di Klopp, settimi in Premier al momento, si pone lo Swansea, squadra di bassa classifica ormai già salva. Il problema principale però per i ‘Reds’ è rappresentato dall’orario della gara in questione che si giocherà domenica pomeriggio alle 12 ora locale, in una fascia oraria che all’allenatore ex BVB proprio non va giù.

A QUELL’ORA MANGIO – Klopp infatti in conferenza stampa, come riportato da ESPN non ha di certo gradito l’orario del calcio d’inizio di Swansea-Liverpool: “Domenica alle ore 12, non ci riesco a credere. Nessuno in questa stanza adesso credo possa pensare che sia un orario solito dopo le partite che abbiamo affrontato. Avremmo potuto iniziare alle due o alle quattro, in modo da avere quattro ore in più. Io non voglio fare notizia, non voglio venire dalla Germania e dire qui come funziona, ma non credo è divertente. Non sono felice di giocare a quell’ora, alle 12 tutti saranno a pranzo, io di solito ho fame, spero lo siano anche i miei giocatori, ma una fame di successo.”

Niente Villareal per il momento, solo testa al campionato: “Dobbiamo pensare soltanto alla prossima partita, noi rispettiamo sempre la Premier League. Io sono il primo che vuole vincere tutto, su ogni campo sul quale si va a giocare”.