F1 GP Russia: Rosberg cala il poker, Vettel k.o e infuriato

F1 GP Russia: Rosberg cala il poker, Vettel k.o e infuriato

Nico Rosberg - Fonte: Twitter @F1
Nico Rosberg – Fonte: Twitter @F1

Nico Rosberg domina il Gp di Russia di F1 e coglie il quarto successo in altrettante gare disputate in questa stagione. Il tedesco della Mercedes esce indenne dalla prima curva e conduce la gara dal primo all’ultimo giro senza alcun problema, chiudendo davanti al compagno di squadra Lewis Hamilton, partito decimo e bravo ad approfittare del caos alla partenza. Caos che vede ancora una volta coinvolti Vettel e Kvyat: il russo della Red Bull dopo la discussione post gara in Cina, mette fuorigioco il tedesco della Ferrari alla prima curva, tamponandolo dopo aver sbagliato completamente la frenata. Nell’incidente coinvolto anche l’altro pilota Red Bull, Daniel Ricciardo, che vede la sua gara compromessa dopo poche centinaia di metri. Safety Car in pista e team radio di fuoco per Vettel, che successivamente commenterà in modo ironico il contatto davanti a microfoni e telecamere. Buono lo spunto al via di Kimi Raikkonen, che infila Bottas alla prima frenata e si posiziona immediatamente alle spalle di Rosberg. Dietro ai due finlandesi si piazza subito Hamilton, che approfitta del gran caos guadagnando 5 posizioni senza versare una goccia di sudore. Alla ripartenza Raikkonen si addormenta e viene scavalcato da Bottas, perdendo poi la posizione anche a vantaggio di Hamilton il giro successivo.

La scarsa usura delle gomme non permette grandi giochi con le strategie, anche se è proprio al cambio gomme che Raikkonen si riprende un posto sul podio sfruttando il passo gara nettamente migliore rispetto a quello del connazionale della Williams. Nelle retrovie Kvyat viene penalizzato con uno stop&go di 10 secondi per il contatto al via, mentre tra contatti e ritiri vari si apre una gran bagarre per le posizioni che valgono punti in classifica. Davanti Rosberg controlla a piacimento le sfuriate di Hamilton: i due si danno battaglia a distanza a suon di giri veloci, ma il tedesco appare molto più consistente e risponde colpo su colpo al campione del mondo in carica. Alle loro spalle Raikkonen fa un buon ritmo e non corre alcun rischio con le due Williams alle sue spalle. Allo sventolare della bandiera a scacchi Rosberg può festeggiare il quarto successo consecutivo, settimo se si considerano anche le ultime tre gare dello scorso anno. Mai un pilota capace di un simile avvio di stagione è stato poi costretto a dire addio al sogno mondiale. Limita i danni Hamilton, nonostante il vantaggio accumulato dal compagno di squadra lasci davvero poco spazio a velleità di rimonta. Buon podio per Raikkonen e per la Ferrari, ancora una volta protagonista di un week end costellato di problemi e sempre più lontana dal duo Mercedes. Un inizio di stagione disastroso per la rossa di Maranello, sulla carta più vicina alla Mercedes in quanto a prestazioni ma lontana un abisso alla riprova dei fatti. Week end di gara positivo per le due Williams, che chiudono ai piedi del podio, ma anche per la McLaren, a punti sia con Fernando Alonso, ottimo sesto, che con Jenson Button, decimo. In mezzo ai due ex campioni del mondo si piazzano la Renault di Magnussen, la Haas di Grosjean e la Force India di Perez.

In classifica Rosbeg sale a quota 100 punti, quasi il doppio del compagno di squadra Lewis Hamilton, secondo con 57 e davanti a Kimi Raikkonen con 43. Non si muove la classifica di Ricciardo e Vettel, rispettivamente 4° e 5° con 36 e 33 punti

F1, l'ordine d'arrivo del GP di Russia. Fonte: twitter @F1
F1, l’ordine d’arrivo del GP di Russia. Fonte: twitter @F1