SHARE

boban

Nel corso del programma “Sky Calcio Club” condotto da Fabio Caressa, è intervenuto uno degli opinionisti fissi del programma, Zvonimir Boban, che ha affrontato il momento tutt’altro che positivo del Milan, squadra a cui il croato ha legato in maniera indissolubile la sua carriera.

Boban elogia il lavoro di Mihajlovic e difende a spada tratta l’ex tecnico rossonero: “Mihajlovic ha fatto diventare il Milan una squadra e li ha fatti giocare al massimo delle loro possibilità. Sicuramente il gioco non era così esaltante, ma i giocatori non hanno qualità, fisico e personalità per fare un gioco spumeggiante. Quindi, si può dire che Mihajlovic ha fatto il massimo considerando il materiale che aveva in mano”. Sul modulo attuale di gioco, il 4-3-1-2: “Non ci sono giocatori capaci di adattarsi a questo modulo, è una scelta sbagliata, inoltre non vedo giocatori che hanno grandi margini di crescita davanti a sé”. Riguardo alla possibilità di accedere al preliminare di Europa League, Boban è categorico: “Al Milan non conviene, considerando che devono ricostruire in toto, partire prima con la preparazione è solo un danno. Per il Milan è meglio un altro anno dove avranno da preparare solo una partita a settimana, piuttosto che giocare il giovedì come nel caso dell’Europa League”. Infine, Boban non lesina stoccate a Christian Brocchi: “Ha fatto un compromesso, per lui non era facile una situazione del genere. Ma ha sbagliato a voler stravolgere quello che aveva fatto Mihajlovic, che aveva iniziato un lavoro da sei-sette mesi. Doveva continuare con il lavoro del serbo, e invece ha cambiato tutto senza un motivo valido”.

Ma il croato è un fiume e in piena ed è intervenuto anche ai microfono di “Radio Rai”, in cui ha affrontato più da vicino la questione relativa alla dirigenza del Milan e ha criticato la gestione di Berlusconi: “Il presidente è stato maestro su come si gestisce una società, ma non è più il vero Berlusconi. Attualmente nel Milan regna il caos, probabilmente gli manca l’entusiasmo, l’avrebbe già dovuto capire da un pò”. Su Galliani: “Ha sempre lavorato bene, ma da quando Berlusconi si è disinteressato non è più stato in grado di continuare come prima e con l’addio di Braida ha perso una spalla fondamentale”. Boban indica un nome per rilanciare i rossoneri: “Paolo Maldini, assurdo che non sia in società, lo merita per la sua moralità e maturità. Mentre riguardo ai cinesi, penso che sia poco romantico, ma che al giorno d’oggi non si può fare diversamente”.

SHARE