SHARE
Josef Guardiola, Bayern Monaco - Fonte account Twitter ufficiale Bayern Monaco
Josef Guardiola, Bayern Monaco - Fonte account Twitter ufficiale Bayern Monaco
Josef Guardiola, Bayern Monaco - Fonte account Twitter ufficiale Bayern Monaco
Josef Guardiola, Bayern Monaco – Fonte account Twitter ufficiale Bayern Monaco

Si è parlato tanto in questa settimana della sfida tra “cholismo” e “tiki tka”, e domani avremo finalmente l’atto finale. Consapevole dello svantaggio acquisito all’andata il Bayern dovrà giocare all’attacco, cercando di colmare il gap il prima possibile. Allo stesso tempo Guardiola dovrà stare attento alle ripartente della squadra del Cholo, e non dovrà concedere spazi alla velocità degli attaccanti dei Colchoneros.  In conferenza stampa, l’allenatore catalano riconosce che domani no sarà una partita facile, ed è consapevole della pericolosità dell’Atletico Madrid: “Per noi è la terza semifinale di fila, è un grande onore. Servirà una grande prestazione per raggiungere la finale. Non dobbiamo pensare a quanti gol dobbiamo segnare, prima dobbiamo difenderci bene e controllare la partita”.

Molte le critiche arrivate all’andata per aver lasciato fuori l’attaccante tedesco Thomas Muller, ma Guardiola spiega: “Non abbiamo perso perché non c’era Thomas Müller, e domani il risultato non dipenderà dalla presenza o meno di Thomas”. L’ottima notizia per i tifosi bavaresi invece riguarda Ribery: “Franck può giocare e rappresenta un’opzione in più per noi … E’ un’ottima notizia perché si tratta di un grande giocatore”.

Il tecnico spagnolo spiega l’importanza della capacità di adattarsi ai giocatori: “Bisogna adattarsi ai giocatori che si hanno a propria disposizione, al loro stile e alle loro qualità. Questo è ciò che ho fatto da quando sono arrivato qui”. Elogi poi per Douglas Costa e Vidal, pedine fondamentali per Guardiola in questa stagione: “Douglas Costa è fantastico, sono molto contento di allenarlo. Il linguaggio del corpo di Vidal è incredibile, ha una grande influenza sulla squadra”.

Questa sarà l’ultima partita del catalano a Monaco in Champions League, e Guardiola ci tiene a esprimere le sue sensazioni e suoi pensieri: “Sarà la mia ultima partita di Champions League a Monaco di Baviera. Sono sempre stato trattato in modo meraviglioso, è una città fantastica in un paese bellissimo. Personalmente, ho imparato molto e questo mi servirà durante la mia carriera”.

SHARE