SHARE
Bayern Monaco-Atletico Madrid, Champions League
Bayern Monaco-Atletico Madrid, fonte foto: account Twitter UEFA Champions League
Bayern Monaco-Atletico Madrid, Champions League
Bayern Monaco-Atletico Madrid, fonte foto: account Twitter UEFA Champions League

Stasera in scena all’Allianz Arena la semifinale di ritorno di questa edizione della Champions League, ad affrontarsi Bayern Monaco e Atletico Madrid. Dopo il passo falso del match d’andata, gli uomini di Pep Guardiola partivano con un leggero svantaggio rispetto ai colchoneros del Cholo Simeone, vittoriosi al Vicente Calderon grazie alla rete di Saul. La prima frazione di gioco si chiude sull’1-0 per i tedeschi, che sbagliano anche un rigore con Müller; nella ripresa la mossa tattica di Simeone regala un atteggiamento tattico diverso ai suoi, che porta al pareggio di Griezmann. Poi la rete finale di Lewandowski e il rigore parato da Neuer. Bayern Monaco-Atletico Madrid termina 2-1, Colchoneros in finale.

CHIAVE TATTICA – Inizia la gara e i ritmi sono subito molto alti: il primo tiro è quello di Gabi dalla distanza, ma la partita la fa il Bayern, con l’Atletico che si chiude bene e, compatto, cerca di colpire con veloci ripartenze. All’11’ un gran cross a rientrare di Douglas Costa viene girato da Lewandowski verso la porta di Oblak, ma con scarsa precisione. Colchoneros ancora pericolosi con la sponda di Griezmann e la seconda conclusione di Gabi dalla distanza, bloccata in tuffo da Neuer. Gli uomini di Guardiola provano a colpire partendo dalle corsie esterne, con un pimpante Ribery e il sempre attivo Douglas Costa, mentre per vie centrali è Vidal a creare soluzioni alternative all’attacco del Bayern: il cileno ci prova due volte dalla distanza. Grande occasione per i padroni di casa al 20′: Boateng pesca Muller sul filo del fuorigioco, il tedesco decide di non calciare e appoggia palla a Lewandowski, ma Oblak gli chiude lo specchio della porta. Soffre l’Atletico, schiacciato nella propria metà campo dagli uomini di Guardiola. Al 23′ tiro improvviso di Ribery, Oblak respinge con difficoltà e ancora Lewandowski non riesce a trovare la porta. Occasione anche per capitan Lahm, che calcia alto da posizione defilata. Il gol è nell’aria e arriva pochi minuti dopo: fallo di Augusto Fernandez su Alaba, calcio di punizione e rete di Alonso al 31′, complice una deviazione di Giménez. Lo stesso difensore due minuti dopo trattiene Javi Martínez in area, l’arbitro decreta il calcio di rigore: Müller dal dischetto si fa ipnotizzare da Oblak, che para la conclusione del tedesco e la seguente ribattuta di Alonso. Il primo tempo si conclude con un Bayern arrembante e sprecone e con un Atletico che ha saputo incassare, ma che sembra ancora vivo.

La ripresa parte con Simeone che richiama in panchina il poco attento Augusto Fernandez ed inserisce Ferreira Carrasco, ma la prima conclusione è di Vidal, respinto dalla difesa del Cholo. Il baricentro dell’Atletico, però, si alza: Carrasco agisce sull’out di sinistra, Saúl da una mano in mezzo al campo e il gioco dei Colchoneros sembra giovarne. Al 53′ minuto della ripresa Simeone raccoglie i frutti della mossa tattica e, su un capovolgimento di fronte, Torres manda in porta Griezmann, che supera Neuer con un preciso sinistro per il gol dell’1-1. Brutta botta per il Bayern, al quale servono ora due reti per conquistare la finale. Gli uomini di Guardiola ripartono a testa bassa, ma l’Atletico fa buona guardia. Oblak è ancora decisivo prima su una conclusione dalla distanza di Alonso e poi su una girata ravvicinata di Lewandowski. Al 74′ Vidal raccoglie un cross di Alaba e serve Lewandowski, il polacco di testa appoggia in rete per il gol del 2-1. Succede di tutto nel finale di gara: Torres conquista un calcio rigore, ma il fallo era palesemente fuori area. Svista dell’arbitro. Dal dischetto lo spagnolo si fa respingere la conclusione da Neuer, secondo rigore parato in questa partita. Il Bayern parte all’assalto, Oblak è ancora decisivo su una conclusione di Alaba deviata in area. Finale concitato, gli uomini di Guardiola ci provano fino alla fine, l’Atletico si difende con ardore e conquista la finale.

I PROTAGONISTI – Grande partita per Xabi Alonso, lo spagnolo non sbaglia un appoggio, uomo ovunque, trova la rete dell’1-0 su calcio di punizione. Molto bene anche Vidal, tocca un’infinità di palloni in mezzo al campo e prova più volte la conclusione. Molto attivi anche Ribery e Douglas Costa, poco preciso Lewandowski che trova comunque la rete del 2-1. Bene a tratti Müller: spreca un’ottima occasione nel primo tempo, servendo il compagno di reparto ad un passo da Oblak, poi si fa parare il calcio di rigore dallo stesso portiere polacco. Errore decisivo del tedesco. Tra le fila dell’Atletico bene Gabi e Koke, un po’ in ombra Torres, Saúl e Griezmann nel primo tempo, mentre nella ripresa El Niño serve l’assist vincente per la rete del francese. Male Augusto Fernandez, spesso in ritardo e sostituito da Simeone. Suo il fallo che porta alla punizione e al vantaggio del Bayern. In difficoltà anche Giménez, che alterna ottime chiusure a momenti di scarsa lucidità: suo il tocco sfortunato sul piazzato vincente di Alonso e il fallo da rigore su Javi Martínez. Bene Oblak, che respinge come può gli attacchi tedeschi e para un calcio di rigore in un momento fondamentale della gara. Parata decisiva, così come molti dei suoi interventi in questo match.

LA GIOCATA – Giménez, ancora in bambola per la sfortunata deviazione sul calcio di punizione vincente di Alonso, pochi minuti dopo trattiene la maglia di Javi Martínez in area di rigore e l’arbitro non esita ad indicare il dischetto. Müller si impossessa del pallone e piazza la palla a terra, pronto per calciare: il tiro è debole e poco angolato, il portiere dell’Atletico Oblak, decisivo in diversi interventi, intuisce e para la conclusione del tedesco, oltre a farsi trovare pronto anche sulla seguente conclusione di Alonso. Parata decisiva in un momento molto delicato del match.

IL MOMENTO – Simeone richiama in panchina Augusto Fernandez ed inserisce Ferreira Carrasco. Mossa decisiva. E’ il 53′ minuto della ripresa e, su un capovolgimento di fronte, Griezmann anticipa la difesa tedesca e appoggia palla a Torres. El Niño alza la testa e serve il francese in profondità che, da solo dinnanzi a Neuer, piazza il pallone alle spalle del portiere tedesco per il gol dell’1-1. Rete che regala la finale all’Atletico Madrid.

 

TABELLINO DEL MATCH:

Bayern Monaco-Atletico Madrid 2-1  (31′ Alonso, 53′ Griezmann, 73′ Lewandowski)

Bayern Monaco (4-2-3-1): Neuer; Lahm, Javi Martínez, Boateng, Alaba; Alonso, Vidal; Douglas Costa (73′ Coman), Müller, Ribéry; Lewandowski. All.: Guardiola

Atletico Madrid (4-4-2): Oblak; Juanfran, Godín, Giménez, Filipe Luis; Gabi, Augusto Fernandez (46′ Ferreira Carrasco), Koke (93′ Savic), Saúl; Griezmann (81′ Thomas), Fernando Torres. All.: Simeone

SHARE