SHARE

simeone

BAYERN MONACO 6.5 La squadra bavarese fa la partita e soffre relativamente poco: Guardiola ha poco da rimproverarsi. Scardinare un castello difensivo come quello della squadra di Simeone non è semplice, segnargli due gol è complicatissimo.

Manuel Neuer 7 Non lo impegnano mai, ma quando il momento è decisivo c’è sempre: il rigore parato a Fernando Torres permette ai suoi di rimanere in partita quando tutto sembrava finito.

Philipp Lahm 6.5 Attaccante aggiunto nella prima frazione, spinge senza soluzione di continuità mettendo gli avversari alle strette. Prezioso come sempre in fase difensiva, attenzione costante.

Javi Martinez 6 Si procura il calcio di rigore fallito da Müller: sui calci d’angolo è sempre pericoloso, poco reattivo sul filtrante di Fernando Torres.

Jerome Boateng 6 Buona partita in impostazione, il centrale del Bayern e della Germania non può rimproverarsi niente.

David Alaba 6.5 Spinge poco, ma quando lo fa ha sempre grandissima qualità: il cross dal quale nasce il gol del 2-1 è un cioccolatino da scartare per Vidal.

Xabi Alonso 7 Prestazione eccezionale del numero 14 bavarese: autentico metronomo, non sbaglia mai un pallone e scandisce il tempo della manovra della squadra di Guardiola con grande maestria. La rete su punizione è solamente la ciliegina sulla torta.

Arturo Vidal 6.5 Si fa sentire in fase difensiva, battagliando contro gli avversari. E’ il più grintoso dei suoi, ma non solo: preciso nei passaggi, il cileno sbaglia raramente ed è bravissimo a servire l’assist a Lewandowski in occasione del 2-1.

Douglas Costa 5 Tatticamente fatica a trovare un collocamento, le linee difensive strettissime dell’Atletico Madrid lo costringono a defilarsi. Non trova mai la giocata pericolosa. (dal 73′ Kingsley Coman 5.5 Cerca di trovare lo spunto, ma è spesso impreciso)

Thomas Müller 5 Il rigore sbagliato pesa come un macigno sulla sua condizione mentale. Prima e dopo l’errore dal dischetto in campo c’è un calciatore diverso: prima intraprendente, poi troppo timido per essere vero.

Franck  Ribery 6.5 Nella prima frazione è totalmente imprendibile, sia sulla fascia sinistra che con i tiri dalla distanza mette in difficoltà la retroguardia avversaria. Nella ripresa cala vistosamente.

Robert Lewandowski 6.5 Battaglia continuamente contro i centrali difensivi avversari, ma non è una partita facile per lui. Se la gioca alla pari e riesce a  non sfigurare al cospetto di una delle fasi difensive migliori d’Europa, mette a segno l’unica nitida palla gol in suo possesso.

ATLETICO MADRID 6.5 Un primo tempo disastroso, nella seconda frazione scende un’altra squadra: altra impresa sportiva per Simeone ed i suoi ragazzi che possono riprovare a vincere la competizione dopo la sconfitta di due anni fa in finale.

Jan Oblak 6.5 Una piccola incertezza in avvio, ma il portiere sloveno si conferma uno dei top mondiali: grande reattività, bravissimo a rimanere in piedi fino all’ultimo per intercettare il calcio di rigore di Thomas Müller che avrebbe potuto significare K.O. istantaneo. Incerto in occasione del 2-1 di Lewandowski.

Juanfran Torres 5.5 Serataccia per lui contro un Ribery in stato di grazia: un paio di giocate difensive di grande esperienza, ma nell’uno contro uno va spesso in difficoltà.

Diego Godin 6.5 Di testa sono tutte sue: solita prestazione rocciosissima a difesa di Oblak, contro Lewandowski non è mai facile. Qualche patema di troppo in uscita quando manca la solita solidità di squadra.

José Gimenez 4.5 In una parola disastroso: beffa Oblak con la deviazione sulla punizione di Xabi Alonso, causa il calcio di rigore, spesso in ritardo. La brutta copia del giovane ammirato e bramato dai maggiori top club europei.

Filipe Luis 6 Partita di contenimento: soffre Lewandowski quando si allarga, come sempre egregio quando deve raddoppiare e scalare. Nella seconda frazione si permette qualche sortita offensiva.

Gabi Fernandez 5.5 Brutto primo tempo, sale nella ripresa come tutta la squadra: il capitano di Simeone non brilla particolarmente ma è sempre prezioso.

Augusto Fernandez 5.5 Soffocato dal centrocampo di Guardiola, va spesso fuori giri: la sua fisicità rimane ingabbiata dalla ragnatela di passaggi avversari. Sostituito ad inizio secondo tempo. (dal 46′ Yannick Carrasco 6.5 La sua entrata cambia la partita: il suo dinamismo costringe Lahm a rinculare)

Koke 6 Prezioso lavoro a livello tattico, con la sua qualità permette ai suoi di respirare. Decisamente impreciso al momento di battere i calci piazzati, non riesce mai ad innescare le torri. (dal 90’+3 Stefan Savic senza voto)

Saul Niguez 7 Ectoplasmatico nel primo tempo da esterno di centrocampo, nella seconda frazione Simeone lo sposta centrale ed è bravissimo a mettere la museruola a Müller.

Antoine Griezmann 7 Ha un’occasione ed è di ghiaccio: Neuer trafitto alla prima chance e settima marcatura in questa edizione della Champions League. Letale in ripartenza, grandissimo lavoro in fase difensiva. (dall’83’ Thomas Partey senza voto)

Fernando Torres 5 Partita di sofferenza per l’attaccante spagnolo che si sacrifica molto in ripiegamento. Buon assist per Griezmann, ma il rigore sbagliato pesa come un macigno sulla sua prestazione.

SHARE