SHARE
Diego Pablo Simeone, Atletico Madrid - Fonte Twitter account ufficiale Atletico Madrid
Diego Pablo Simeone, Atletico Madrid - Fonte Twitter account ufficiale Atletico Madrid
Diego Pablo Simeone, Atletico Madrid - Fonte Twitter account ufficiale Atletico Madrid
Diego Pablo Simeone, Atletico Madrid – Fonte Twitter account ufficiale Atletico Madrid

Semifinale al cardiopalma per Diego Pablo Simeone e il popolo dei Colchoneros. All’Allianz Arena va di scena, per l’ennesima volta in stagione, il “cholismo” puro dell’Atletico Madrid contro il Bayern di Guardiola voglioso di rivalsa. Un match ricco di spunti di riflessioni e polemiche con i due portieri sugli scudi: Neuer e Oblak disinnescano un rigore per parte e sovvertono, ognuno a modo suo, l’esito della gara.

SIMEONE E LE POLEMICHE Queste le parole del tecnico dei Cholchoneros Diego Pablo Simeone ai microfoni di Premium Sport Mediaset nel post partita di Bayern Monaco-Atletico Madrid: “E’ stata una partita bellissima, perché il Bayern ha fatto tutto ciò che sa fare. Noi abbiamo avuto qualche contropiede nel primo tempo, poi il rigore ci ha aperto la possibilità di giocare. All’intervallo ho parlato alla squadra, gli ho detto cosa fosse successo nel primo tempo e fortunatamente poi è arrivato il gol. Abbiamo giocato poi con impeto, con un passo importante. Siamo felici perché abbiamo superato il turno contro due delle tre squadre migliori del mondo, ossia Barcellona e Bayern Monaco – aggiunge poi El Cholo –  Devo dire bravi a tutti i giocatori del Bayern Monaco, hanno fatto una grandissima partita, hanno fatto tutto quello che sanno fare. Episodi? Si, devo dire che il loro rigore sbagliato ci ha dato fiducia. Questo risultato è motivo d’orgoglio per noi, è una grande emozione per tutta la nostra gente, i nostri tifosi. Adesso siamo in finale di Champions League, ma prima dobbiamo pensare alla Liga, la prossima gara con il Levante è fondamentale per il nostro cammino in campionato”.

Sulle polemiche e i possibili avversari chiosa: “Conta soltanto alzare il trofeo. Cholismo? Non è casualità, lavoriamo bene da quattro anni. Quando si battono due delle tre squadre più forti non si può trattare di casualità”.

Stefano Mastini

SHARE