SHARE
Claudio Ranieri

claudio-ranieri-leicester-manager_3334102

Ivo Pulga, ex calciatore di Claudio Ranieri ai tempi di Cagliari, ha svelato alcuni episodi particolari dell’attuale allenatore del Leicester campione d’Inghilterra. Ecco le sue dichiarazioni ai microfoni di gianlucadimarzio.com: “Vi racconto come nacque il ‘dilly-ding dilly-dong’. Eravamo a Monte Urpinu a fare l’allenamento, ma eravamo tutti un po’ distanti con la testa. A un certo punto lui ci fece ‘dilly-ding dilly-dong, sveglia! Non siamo pecore al pascolo, stiamo facendo un allenamento, abbiamo un obiettivo importante, voglio vedere grinta’. Adesso è diventato un tormentone anche in Inghilterra. A Natale, poi, ci regalò il campanello con il fiocchettino rossoblu e la sua firma. Il Natale successivo, invece, ci regalò una moneta particolare, che racchiude il suo credo, con la scritta ‘Volere è potere’. Un altro aneddoto è quello della famosa frase sulla Ferrari. Durante il ritiro a Rocca Porena del 1989, rivelò alla moglie che sentiva di avere un gruppo così forte tra le mani che per lui era come guidare una Ferrari. Una mossa psicologica che fece aumentare l’autostima di tutto il gruppo”. Anche Gianluca Festa, sempre ai microfoni di gianlucadimarzio.com, ricorda quel periodo con piacere: “Ho ancora un ricordo limpido di quel periodo. Tornavo a Cagliari dopo un anno di prestito e Ranieri mi diede una nuova opportunità. Mi torna sempre alla mente un episodio particolare, significativo. Per Natale, Ranieri, ci regalò una moneta antica con la scritta ‘Volere è potere’. Chissà se l’ha fatto anche quest’anno con i giocatori del Leicester. Ha creato un’atmosfera magica, è riuscito in un’impresa che rimarrà nella storia”.  La storia di Dilly-ding, dilly-dong, nacque a Natale quando Ranieri in conferenza stampa dichiarò: “All’inizio quando qualcuno sbagliava dicevo: ‘Dilly-ding, dilly-dong, sveglia, sveglia!’. Oggi che è Natale ho regalato a tutti i giocatori e allo staff una piccola campanella”. Claudio Ranieri è nella storia, ma nessuno dimentica del passato.

SHARE