SHARE
Gareth Bale, autore del gol vittoria sulla Real Sociedad. Fonte Account Twitter @realmadrid
Gareth Bale, autore del gol vittoria sulla Real Sociedad. Fonte Account Twitter @realmadrid
Gareth Bale, autore del gol vittoria contro il Mancheter City. Fonte Account Twitter @realmadrid

A suon di gol e grandi prestazioni, Gareth Bale si è finalmente preso il Real Madrid, quasi tre anni dopo il suo clamoroso arrivo alle Merengues per 100 milioni di euro

GIORNI DA BALE – Due gol al Rayo Vallecano, uno alla Real Sociedad e uno al Manchester City. Quattro gol in tre partite, probabilmente i più importanti della stagione del Real Madrid. Gareth Bale, a sintetizzare al meglio le sue caratteristiche fisiche e tecniche, è entrato prepotentemente nell’annata del Real Madrid, e in generale in quella europea, in 10 giorni da favola che lo hanno reso uno dei giocatori più decisivi della fase più calda della stagione. Dopo essere riuscito a colmare il vastissimo gap in campionato con il Barcellona, ed essere approdato ancora una volta in semifinale di Champions League, l’infortunio di Cristiano Ronaldo sembrava poter rappresentare un ostacolo insormontabile per il Real Madrid, proprio nel momento clou. E se le sorprese arrivano quando meno ce l’aspettiamo, l’exploit di Gareth Bale è stata tanto dolce quanto atteso per i tifosi della Casablanca.

MALEDETTI INFORTUNI – Eppure il 2016 del gallese non era iniziato nel migliore dei modi, perseguitato come al solito dagli innumerevoli problemi fisici. Dopo aver segnato 5 gol nelle prime 3 partite del nuovo anno, così per accogliere al meglio il nuovo tecnico Zinedine Zidane, la lesione muscolare al polpaccio sembrava aver messo ko la stagione del numero 11 madrileno, e con essa quella del Real Madrid, giunta al punto più basso nella sconfitta nel derby contro l’Altletico. Dopo oltre due mesi e mezzo d’infermeria però il gallese è tornato quello formato Spurs, il giocatore che a Madrid avevano solo intravisto ma mai realmente apprezzato.

FINALE DA SOGNO – Dal suo ritorno dopo l’infortunio, lo scorso 5 marzo, i numeri di Bale sono impressionati. Un gol ogni 83 minuti, più due assist e ovviamente quello la rete decisiva messo a segno ieri contro il Manchester City. che ha riportato il Real Madrid in finale di Champions. In campionato è a quota 19, già record personale con la maglia delle Merengues, e con un finale di stagione ancora tutto da vivere. Due anni fa, nonostante non avesse pienamente soddisfatto le enormi attese che aveva creato attorno a sé, fu una sua rete nei supplementari a spianare le porte per la Decima contro l’Atletico Madrid. Due anni dopo, dal da Luz a San Siro, sarà ancora una notte di derby e di storia, sarà ancora una notte da Gareth Bale.

SHARE