SHARE
insidemarketing

 

donne
insidemarketing

Un bando per la sponsorizzazione di squadre sportive italiane. L’iniziativa lanciata a novembre dal portale hard “pornhub” ha riscosso grande successo: la casella mail del sito è stata inondata da decine di migliaia di candidature e l’offerta allettante ha spinto diversi sodalizi sportivi a sconfiggere l’eventuale imbarazzo per assicurarsi la stipula del contratto. Dopo mesi di attenta e rigorosa selezione, pornhub ha ufficializzato la sua scelta, ricaduta sulle giocatrici della squadra Champions Feague Milano e sui giocatori del Varese Master Team, rispettivamente di calcio femminile a 5 e pallanuoto maschile. Il vicepresidente del sito, Corey Price, ha commentato così la buona riuscita del progetto:

“Abbiamo ricevuto migliaia di candidature e decidere un vincitore si è rivelato più difficile del previsto, così per ringraziare l’Italia per il grande coinvolgimento dimostrato abbiamo deciso di sponsorizzare non una, bensì due squadre. Abbiamo scelto la squadra maschile di pallanuoto, Varese Master Team, e quella milanese di calcio femminile a 5, Champions Feague”. La scelta di sponsorizzare la squadra di calcio femminile è stata spiegata dalla Presidente (nonché capitana) del club: “Tra le Champions Feague troviamo “diverse donne che rappresentano le categorie presenti su Pornhub, tra le quali milf, cougar, lesbian, brunette ed ebony”. Un buon affare per tutti, dunque. La riuscita positiva dell’operazione commerciale, è stata celebrata anche dai ragazzi del Varese master Team che si sono lasciati immortalare in costume adamitico, coperti esclusivamente da una palla di gioco. Nuove frontiere del marketing sportivo, sconosciute fino a poco tempo fa in Italia ma già note altrove. Il medesimo sito hard, infatti, negli anni scorsi aveva già firmato accordi di sponsorizzazione con una squadra di calcio in Inghilterra, un team di street basket in Irlanda, una squadra di golf in Scozia e una squadra di softball in America. E non poteva tirarsi indietro l’Italia, ai primi posti tra i paesi “affezionati” ai contenuti di pornhub.

SHARE