SHARE
shakhtar siviglia
Un’immagine del match dell’andata

Siviglia-Shakhar è l’altra semifinale di Europa League. Il sogno della squadra di Emery di conquistare per tre volte di fila l’Europa League sembra essere più vicino dopo il 2-2 dell’andata acciuffato nei minuti finali grazie ad un rigore di Gameiro. Viceversa, la squadra di Lucescu farà di tutto per cercare di ribaltare il pronostico e tornare in finale dopo aver vinto la Coppa Uefa del 2009. Capitolo formazioni: Emery deve rinunciare a Reyes e Khron-Dehli, vittima di un pauroso infortunio proprio nella gara d’andata, ma non ha grossi dubbi di formazione. Lucescu punta su un conservativo 4-5-1 anche se è probabile che la disposizione in campo sarà diversa, considerando che gli ucraini devono fare la gara per provare ad andare in finale.

Siviglia-Shakhtar, le probabili formazioni:

Siviglia (4-2-3-1): David Soria; Coke, Rami, Carriço, Escudero; N’Zonzi, Krychowiak; Vitolo, Banega, Konoplyanka; Gameiro.

In dubbio: Nessuno

Indisponibili: Krohn-Dehli, Reyes

Squalificati: Nessuno

Shakhtar Donetsk (4-5-1): Pyatov; Srna, Kucher, Rakitskiy, Ismaily; Malyshev, Stepanenko, Marlos, Taison, Kovalenko; Ferreyra.

In dubbio: Gladkiy, Dentinho

Indisponibili: Azevedo

Squalificati: Nessuno

Siviglia-Shakhtar, le parole degli allenatori alla vigilia:

Qui Siviglia, parla l’allenatore Emery: “Per arrivare in finale bisogna sfruttare le opportunità e dobbiamo concederne il meno possibile ai nostri avversari. Entrambe le squadre vogliono arrivare in finale, quindi sarà una partita molto equilibrata. Ci aspettiamo il migliore Shakhtar possibile: loro hanno alzato la coppa nel 2009 e sono abituati a vincere il campionato. In più, hanno un allenatore molto più esperto di me. È una dura prova: saranno 90 minuti difficili e dobbiamo essere pronti”.

Qui Shakhtar Donetsk, parla l’allenatore Lucescu:  “A Lviv abbiamo fatto un buon primo tempo, ma non siamo riusciti a sfruttare il contropiede. Il nostro errore più grande comunque è stato nella ripresa, quando ci siamo rilassati dopo il nostro vantaggio per 2-1. Sarà un ritorno complicato. Il Siviglia è uno specialista in Europa. Non ha molti giovani, i giocatori sono tutti esperti. E ha anche un allenatore molto bravo che studia bene gli avversari e non fallisce mai il proprio piano di gioco”.

 

SHARE